Nona Inescu: “Waterlily Jaguar”

Controllare preventivamente esattezza dei dati su mostra, orari e condizioni d’ingresso nel sito

- DATA FINE: 17/04/2021

- LUOGO: PISTOIA - SpazioA

- INDIRIZZO: Via Amati,13

- TEL: +39.0573.977354

La mostra a Pistoia dell’artista rumena Inescu presenta un insieme di lavori basati sulla ricerca in corso dell’artista su una condizione umana spesso sulla soglia tra spazi diversi

Nona Inescu: “Waterlily Jaguar”

 

Waterlily Jaguar, 2021, exhibition view
Waterlily Jaguar, 2021, exhibition view

 

La galleria SpazioA è nata nel 2008 sulla scia di una precedente esperienza non profit di Uscita Pistoia, organizzazione no-profit che raccoglieva amici e curatori attorno a Giuseppe Alleruzzo, fondatore della galleria.

Dal 27 febbraio 2021, SpazioA propone la terza mostra personale in galleria dell’artista rumena Nona Inescu (1991, Bucarest), dal titolo Waterlily Jaguar.

La mostra presenta lavori recenti, realizzati nel 2020, e comprende una serie di sculture in acciaio, lavori fotografici e un nuovo video.

Entrando nella galleria, lo spettatore si trova subito di fronte alla separazione dei due spazi, incontrando una singola fotografia che introduce i giardini subacquei e una tenda di lattice verde, che segnala un confine liquido e al tempo stesso le profondità vegetali dell’acqua.

Dietro la tenda, è presente una riproduzione sensoriale di tutto ciò che si trova sopra la superficie.

Queste sono le sculture in acciaio, che incarnano gigantesche ninfee Victoria amazonica, oltre a una liana di acciaio che si estende dal pavimento della galleria

Questa riflessione sulla soglia tra due spazi, la superficie e lo spazio subacqueo porta lo spettatore a guardare con occhio più attento ad alcune condizioni “ibride” della condizione umana ed è in linea con la pratica artistica di Inescu.

Le capacità delle ninfee rappresentano in realtà l’ennesima prova che le piante esigono un nostro esame critico e culturale, in quanto specie compagne, e un parallelo mutamento nella percezione umana del loro status vegetale.

Le opere esposte sono inoltre espressione della ricerca artistica fortemente caratterizzata da una natura interdisciplinare che comprende fotografie, oggetti, installazioni e a volte video.

Sono lavori plasmati dalla ricerca teorica e letteraria, ruotano attorno al rapporto tra il corpo umano e l’ambiente e la ridefinizione del soggetto in chiave post-umanistica.

 

 

ORARI DI APERTURA

  • Da martedì a sabato ore 11.00 – 14.00 / 15.00 – 19.00 o su appuntamento

INFO

Petit tour # 71. Daniele Calabi. Sistemazione dell’ex Convento dei Tolentini a nuova sede dell’Istituto Universitario di Architettura di Venezia, 1960-1964
Petit tour # 71. Daniele Calabi. Sistemazione dell’ex Convento dei Tolentini a nuova sede dell’Istituto Universitario di Architettura di Venezia, 1960-1964
Posted on
CEN LONG. Sowing hope/Seminare speranza
CEN LONG. Sowing hope/Seminare speranza
Posted on
NATURA/UTOPIA. L’arte tra ecologia, riuso e futuro
NATURA/UTOPIA. L’arte tra ecologia, riuso e futuro
Posted on
LO SGUARDO DEL SENTIRE. Il Seicento emiliano dalle collezioni d’arte Credem
LO SGUARDO DEL SENTIRE. Il Seicento emiliano dalle collezioni d’arte Credem
Posted on
Sguardi di intesa. La moda fotografata dalle donne
Sguardi di intesa. La moda fotografata dalle donne
Posted on
Previous
Next
Petit tour # 71. Daniele Calabi. Sistemazione dell’ex Convento dei Tolentini a nuova sede dell’Istituto Universitario di Architettura di Venezia, 1960-1964
CEN LONG. Sowing hope/Seminare speranza
NATURA/UTOPIA. L’arte tra ecologia, riuso e futuro
LO SGUARDO DEL SENTIRE. Il Seicento emiliano dalle collezioni d’arte Credem
Sguardi di intesa. La moda fotografata dalle donne

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.