Mostra di Lorenzo Marini: Bodytype a Forte dei Marmi

- DATA INIZIO: 13/07/2024

- DATA FINE: 31/08/2024

- LUOGO: Oblong Contemporary Art Gallery

- INDIRIZZO: Via Carducci 45, Forte dei Marmi (LU)

- TEL: +39 335 7055914

Bodytype di Lorenzo Marini alla Oblong Contemporary Art Gallery

Mostra Lorenzo Marini, Bodytype dal 13 luglio al 31 agosto 2024 a Forte dei Marmi. Ingresso libero.

 

Mostra Lorenzo Marini, Bodytype dal 13 luglio al 31 agosto 2024 a Forte dei Marmi. Ingresso libero.
Lorenzo Marini, BODYTYPE Z, 2023, tecnica mista su tela, 100×100 cm
 

 

Inaugurazione e dettagli della mostra

La Oblong Contemporary Art Gallery di Forte dei Marmi ospiterà la mostra personale di Lorenzo Marini intitolata Bodytype dal 13 luglio al 31 agosto 2024. L’inaugurazione avrà luogo sabato 13 luglio alle ore 18.00 alla presenza dell’artista.

Descrizione delle opere

La mostra raccoglie una decina di opere recenti della serie Bodytype, in cui Lorenzo Marini associa la parola al corpo attraverso dipinti a tecnica mista su tela. Questo progetto rende omaggio all’illustratore Ertè, che utilizzava la geometria del corpo per ridisegnare la tipografia nell’epoca dell’Art Déco. Marini unisce fotografia, grafica digitale e segno pittorico per creare corpi-lettera, una fusione tra la forma fisica e la tipografia.

Ogni opera esposta rappresenta un corpo che diventa lettera, trasformando così il linguaggio verbale in un’esperienza visiva. Questo approccio invita lo spettatore a riflettere sul potere comunicativo del corpo e sulla bellezza intrinseca delle lettere, liberate dalla loro funzione linguistica.

Il linguaggio del corpo e la tecnologia

Lorenzo Marini esplora la trasformazione della comunicazione scritta in un’epoca di rapido sviluppo tecnologico. Secondo Paola Marucci, titolare della galleria, il linguaggio del corpo diventa fondamentale in un contesto in cui la parola rischia di perdere il suo potere di contatto. Gestualità, espressioni e posture diventano nuovi strumenti di dialogo in un mondo sempre più dominato dalla “non parola”.

Marini riflette su come la scrittura e il modo di comunicare si stiano trasformando. La parola, che è sempre stata sinonimo di contatto, rischia oggi di diventare distanza. L’artista indaga su come la tecnologia influisca sul linguaggio, spostandolo verso una comunicazione non verbale, in cui i gesti e le espressioni del corpo assumono un ruolo centrale.

Leggi anche: “Il marmo di Michelangelo”

Biografia dell’artista

Lorenzo Marini, fondatore della TypeArt e autore del Manifesto per la liberazione delle lettere (2017), ha una lunga carriera nella pubblicità e nell’arte. Nato a Milano, vive e lavora tra Milano, Los Angeles e New York. Ha frequentato l’Accademia di Belle Arti di Venezia con Emilio Vedova e si è laureato in Architettura, lavorando con successo per trent’anni nel mondo della pubblicità.

Nel 2016, Marini ha avuto un’intuizione artistica che lo ha portato a celebrare la bellezza delle lettere. Ha liberato le lettere dalla loro funzione linguistica, valorizzandone la forma estetica e la singolarità. Le sue opere sono state esposte in importanti città come New York, Los Angeles, Seoul, Milano, Firenze e Siena, e sono conservate in collezioni di prestigio come la Galleria Borghese a Roma e il Museo della Permanente a Milano.

Tra le principali esposizioni di Marini si segnalano: Artype (Padiglione Armenia, Biennale Arte 2017, Venezia), Out of Words (Gaggenau Hub, Milano, 2020), Dal Silenzio alla Parola (Fondazione Bevilacqua La Masa, Venezia, 2020), Digital Art Installation (Piazza Gae Aulenti, Milano, 2020), Alphatype21 (Istituto Italiano di Cultura, Los Angeles, 2021), Di Segni e di Sogni (Santa Maria della Scala, Siena, 2021), Olivettype (Palazzo Uffici Olivetti, Ivrea, 2022), I-stanze (Spazio Thetis, Arsenale, Venezia, 2022), World Art Expo (Seoul Coex, Corea del Sud, 2024), e il Padiglione Grenada alla 60. Esposizione Internazionale d’Arte – La Biennale di Venezia (Palazzo Albrizzi Capello, Venezia, 2024).

Leggi anche “Man Ray. Liberare la fotografia”

Informazioni pratiche

La mostra Bodytype sarà visitabile presso la sede di Oblong Contemporary Art Gallery, Via Carducci 45, Forte dei Marmi, tutti i giorni dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 18.00 alle 23.00. L’ingresso è gratuito. Durante il vernissage sarà offerto champagne di Nero Lifestyle.

Per ulteriori informazioni, visitare il sito www.oblongcontemporary.com o contattare la galleria tramite email all’indirizzo fortedeimarmi@oblongcontemporary.com.

Mostra parallela: Risveglio di Gianfranco Meggiato

In contemporanea, e fino al 30 settembre 2024, Oblong Contemporary Art Gallery organizza la mostra d’arte pubblica di Gianfranco Meggiato intitolata Risveglio, con opere monumentali esposte dal lungomare alle vie del centro di Forte dei Marmi e una sezione in Galleria. Questa esposizione, patrocinata dal Comune di Forte dei Marmi e realizzata in collaborazione con la Fondazione Villa Bertelli, offre un percorso artistico unico che unisce l’arte contemporanea agli spazi pubblici della città.

 

SCHEDA TECNICA

Lorenzo Marini. Bodytype

Oblong Contemporary Art Gallery

Via Carducci 45, Forte dei Marmi (LU)

13 luglio – 31 agosto 2024

Inaugurazione: sabato 13 luglio, ore 18.00

Orari: tutti i giorni 10.00-13.00 e 18.00-23.00

Ingresso libero

 

INFORMAZIONI

Oblong Contemporary Art Gallery

Via Giuseppe Carducci 45, 55042 Forte dei Marmi (LU)

  1. +39 335 7055914

fortedeimarmi@oblongcontemporary.com

www.oblongcontemporary.com

www.instagram.com/oblongcontemporary/

www.facebook.com/oblongartgallery/

www.linkedin.com/company/oblong-contemporary-art-gallery/

 

UFFICIO STAMPA

CSArt – Comunicazione per l’Arte

Via Emilia Santo Stefano 54, 42121 Reggio Emilia

  1. +39 0522 1715142 | M. +39 348 7025100

info@csart.it | www.csart.it

Press kit: https://bit.ly/OBLONG_Gallery

 

Dallo splendore alle incertezze. 1910-1950 Storia di una collezione privata
Dallo splendore alle incertezze. 1910-1950 Storia di una collezione privata
Posted on
Fabio Di Lizio: “Sottosuolo” in mostra a L’Aquila
Fabio Di Lizio: “Sottosuolo” in mostra a L’Aquila
Posted on
Nel tempo
Nel tempo
Posted on
GAE AULENTI
GAE AULENTI
Posted on
UZBEKISTAN: l’Avanguardia nel deserto. La Forma e il Simbolo
UZBEKISTAN: l’Avanguardia nel deserto. La Forma e il Simbolo
Posted on
Previous
Next
Dallo splendore alle incertezze. 1910-1950 Storia di una collezione privata
Fabio Di Lizio: “Sottosuolo” in mostra a L’Aquila
Nel tempo
GAE AULENTI
UZBEKISTAN: l’Avanguardia nel deserto. La Forma e il Simbolo

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.