Masbedo e Marlene Kuntz a Venezia

Masbedo e Marlene Kuntz cominciano a collaborare nel 2008, quando la band compone le musiche per il video Glima. Insieme ad Aldo Nove e Vittorio Cosma, realizzano all’Arena Civica di Milano la monumentale videoinstallazione Indeepandance. Quindi, nel 2009, insieme a Gianni Maroccolo, produttore degli stessi Marlene Kuntz, il gruppo musica la videoinstallazione Schegge d’incanto in fondo al dubbio presentata dai Masbedo alla 53. Biennale di Venezia. Nel 2011 i Masbedo realizzano in Islanda quattro videoclip per l’album Ricoveri virtuali e sexy solitudini presentati in anteprima al Festival del cinema di Torino sancendo di fatto un forte sodalizio artistico.
Per la terza edizione di Art Night Venezia, sabato 22 giugno, l’Università Ca’ Foscari sceglie di proporre un vero e proprio spettacolo e invita i Masbedo a presentare per la prima volta in assoluto una performance audiovisiva interamente eseguita dal vivo e i Marlene Kuntz a sonorizzare le azioni dei due video-artisti.
La scenografia della performance è stata pensata in modo da dare vita a un “palco laboratorio” sul quale, in un’azione congiunta, si confronteranno le creatività dei due gruppi, mescolando anche visivamente diverse forme di espressione.
Ca’ Foscari ha scelto il duo milanese anzitutto per la connotazione multidisciplinare che ha caratterizzato in questi anni il loro percorso artistico. Si tratta di un aspetto di assoluto interesse per un’università, come quella veneziana, che orienta sempre più le proprie attività in una prospettiva di integrazione tra diverse competenze e plurali ambiti di ricerca, anche per quanto riguarda l’offerta formativa. In secondo luogo per evidenziare nella concretezza di un evento questo sodalizio artistico, fino a ora esclusivamente virtuale.
La performance è totalmente inedita e sarà all’origine di un’opera video. L’opera, di fatto, si sviluppa costruendosi sotto lo sguardo dei visitatori, permettendo quindi a questi ultimi di essere testimoni di un processo creativo. Oggetti e fotografie accumulati su tavoli rappresentano un universo statico che prende vita grazie ai gesti, all’azione filmica e musicale degli artisti. Tale impostazione implica che gli artisti scelgano di affidarsi ai criteri dell’incertezza, uno dei tratti salienti della nostra contemporaneità, mettendo in scena il rischio e l’errore, elementi generalmente considerati disturbanti e antiestetici. Per quanto concerne l’aspetto musicale si passerà da momenti melodici ad altri più “noise”, alternati dai reading di evocazioni letterarie di Cristiano Godano.

Info utili: Sabato 22 giugno, ore 22.00;
sede: Cortile Principale dell’Università Ca’ Foscari, Venezia
Ingresso gratuito

Ufficio stampa di Art Night Venezia:
Università Ca’ Foscari Venezia – Servizio Comunicazione
Tel: 041. 234 8368
Email: comunica@unive.it

In collaborazione con Studio ESSECI, Tel. 049 663499, info@studioesseci.net
www.studioesseci.net

Olimpia Biasi. Per un’aiuola di stelle
Olimpia Biasi. Per un’aiuola di stelle
Posted on
NARI WARD. Ground Break
NARI WARD. Ground Break
Posted on
AMENDOLA. Burri / Vedova / Nitsch: Azioni e gesti
AMENDOLA. Burri / Vedova / Nitsch: Azioni e gesti
Posted on
DENIS DAILLEUX. Misr – mom Égypte
DENIS DAILLEUX. Misr – mom Égypte
Posted on
ARTEVENTO CERVIA
ARTEVENTO CERVIA
Posted on
Previous
Next
Olimpia Biasi. Per un’aiuola di stelle
NARI WARD. Ground Break
AMENDOLA. Burri / Vedova / Nitsch: Azioni e gesti
DENIS DAILLEUX. Misr – mom Égypte
ARTEVENTO CERVIA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.