LUCIANO BERTOLI. Frattempo. Le curve di Mandelbrot

- DATA INIZIO: 21/09/2024

- DATA FINE: 24/11/2024

- LUOGO: REGGIO EMILIA – Palazzo Da Mosto

- INDIRIZZO: Via Giovanni Battista Mari 7

- TEL: 0522 454437

Prima mostra, postuma, di Luciano Bertoli nella sua città natale

Luciano Bertoli: mostra “Frattempo. Le curve di Mandelbrot” al Palazzo da Mosto, Reggio Emilia, dal 21 settembre al 24 novembre 2024.

 

Frattempo. Le curve di Mandelbrot. Luciano Bertoli a Reggio Emilia. La mostra al Palazzo da Mosto dal 21 settembre al 24 novembre 2024.

 

 

Palazzo da Mosto è una delle più significative dimore reggiane quattrocentesche, voluto da Francesco da Mosto, alto funzionario ducale, che la acquistò nel 1472 e la trasformò da “domus” a “palatium”.

Palazzo da Mosto è oggi un luogo ritrovato a disposizione della vita sociale e culturale della comunità, in gestione della Fondazione Palazzo Magnani, la prestigiosa Istituzione culturale di Reggio Emilia, che nella sua attività privilegia il dialogo interdisciplinare, il confronto interculturale e le contaminazioni con i diversi saperi.

L’attività espositiva è animata, infatti, dalla convinzione che le mostre devono essere progetti culturali, occasioni pensate non solo per dare la possibilità ai visitatori di osservare opere di valore, ma anche e soprattutto come opportunità di confronto, riflessione, ampliamento, critica o discussione delle proprie conoscenze o convinzioni.

Luciano Bertoli: mostra "Frattempo. Le curve di Mandelbrot" al Palazzo da Mosto, Reggio Emilia, dal 21 settembre al 24 novembre 2024.
Luciano Bertoli – ritratto

La prima mostra in programma dopo l’estate è dedicata a Luciano Bertoli (1940-2021), per la prima volta nella sua città dopo la scomparsa.

Il titolo Frattempo. Le curve di Mandelbrot fa riferimento ad una delle serie principali presenti in mostra e comprende opere che evidenziano lo spiccato interesse per le scienze esatte dell’artista, da sempre “attratto visivamente dal groviglio cosmico delle particelle subnucleari”.

Il corpus principale dell’esposizione, volta a riscoprire la personalità inquieta di Luciano Bertoli è composto dai dipinti realizzati dalla seconda metà degli anni Novanta all’inizio del Duemila e rimasti sostanzialmente inediti.

Il percorso espositivo è completato da alcune opere precedenti – dipinti, sculture, grafiche, disegni e assemblaggi – per presentare al pubblico le componenti essenziali di un percorso sperimentale nei materiali e nelle tecniche e sempre sostenuto da una genuina curiosità per il mondo delle macchine e della tecnica.

ORARI DI APERTURA

  • Mercoledì e giovedì: 10.00-13.00 /15.00-18.00
  • Venerdì, sabato, domenica e festivi: 10.00-19.00
  • Ultimo ingresso 60 minuti prima della chiusura..

INFO

Dallo splendore alle incertezze. 1910-1950 Storia di una collezione privata
Dallo splendore alle incertezze. 1910-1950 Storia di una collezione privata
Posted on
Fabio Di Lizio: “Sottosuolo” in mostra a L’Aquila
Fabio Di Lizio: “Sottosuolo” in mostra a L’Aquila
Posted on
Nel tempo
Nel tempo
Posted on
GAE AULENTI
GAE AULENTI
Posted on
UZBEKISTAN: l’Avanguardia nel deserto. La Forma e il Simbolo
UZBEKISTAN: l’Avanguardia nel deserto. La Forma e il Simbolo
Posted on
Previous
Next
Dallo splendore alle incertezze. 1910-1950 Storia di una collezione privata
Fabio Di Lizio: “Sottosuolo” in mostra a L’Aquila
Nel tempo
GAE AULENTI
UZBEKISTAN: l’Avanguardia nel deserto. La Forma e il Simbolo

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

1 thought on “LUCIANO BERTOLI. Frattempo. Le curve di Mandelbrot

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.