LOUISE BOURGEOIS. Do not abandon me

- DATA INIZIO: 22/06/2024

- DATA FINE: 20/10/2024

- LUOGO: FIRENZE – Museo Novecento

- INDIRIZZO: Piazza Santa Maria Novella, 10

- TEL: +39 0552768224

Per la prima volta a Firenze le opere di Louise Bourgeois dialogano con un contesto espositivo molto vicino alle esperienze umane e personali dell’artista

Il Museo Novecento di Firenze ospita la mostra LOUISE BOURGEOIS. Do not abandon me, attiva fino al 20 ottobre

 

Il Museo Novecento di Firenze ospita la mostra LOUISE BOURGEOIS. Do not abandon me, attiva fino al 20 ottobre
Installation view

 

 Il Museo Novecento di Firenze, inaugurato nel 2014, è dedicato all’arte italiana del XX e XXI secolo e propone oltre ad una collezione permanente, mostre e cicli espositivi, installazioni e progetti speciali.

La sede espositiva è l’antico spedale delle leopoldine di piazza Santa Maria Novella.

Dal 22 giugno si apre negli spazi del Museo Novecento una mostra dedicata alla grande artista LOUISE BOURGEOIS. (Parigi 1911 – New York 2010).

In concomitanza con il decimo anniversario dalla sua apertura, il Museo Novecento celebra dunque Louise Bourgeois, una delle protagoniste assolute dell’arte del XX e XXI secolo, con la mostra Do Not Abandon Me curata da Philip Larratt-Smith e Sergio Risaliti in collaborazione con The Easton Foundation.

Pensata in stretto dialogo con l’architettura delle Ex Leopoldine, complesso dalla forte vocazione sociale gestito per secoli da comunità interamente femminili, l’esposizione darà modo di vedere dal vivo quasi cento opere dell’artista, tra cui molte su carta realizzate negli anni duemila e sculture di varie dimensioni, in stoffa, bronzo, marmo e altri materiali, assieme a Spider Couple (2003).

La mostra Do Not Abandon Me occuperà quasi per intero l’edificio delle Ex Leopoldine, tra le sale al piano terra e al primo piano.

La mostra presenterà una rassegna di gouaches rosse di Louise Bourgeois con un focus tematico sul motivo della madre e del bambino.

Il titolo della mostra fa riferimento alla paura dell’abbandono che Bourgeois nutre da sempre, e che in questo caso si riferisce alla diade madre-bambino, che costituisce il modello di tutte le relazioni future.

Va ricordato che Louise Bourgeois è stata un’artista che è riuscita a trasformare la sua vita e i suoi sentimenti in opere d’arte intime e struggenti, capaci di parlare allo spettatore e urlargli contro tutta la sofferenza e l’angoscia dell’artista, da tutta la vita abituata alla sofferenza e alla solitudine.

Pittrice, scultrice, scrittrice, poetessa, Louise Bourgeois è stata la prima donna al mondo a ottenere un’esposizione al Moma di New York.

Le sue opere, realizzate fino a solo un anno prima della morte, nel 2010, non seguono nessuna corrente artistica o moda, ma sono il frutto di una sperimentazione lunga tutta la vita e raccontano la sua vita tormentata, disseminata di abbandoni e momenti di dolore fin dalla prima infanzia.

Un significato particolare assume pertanto la decisione dei curatori di richiedere la collaborazione dello Storico Istituto degli innocenti, che dal 1400 accoglieva l’infanzia abbandonata, collocando un’opera di Louise.

ORARI DI APERTURA

  • Lunedì > mercoledì e venerdì > domenica 11.00 – 20.00
  • (1° gennaio 14.00 – 20.00)
  • Ultimo ingresso 60 minuti prima della chiusura

INFO

GIUSEPPE BERGOMI. Sculture 1982/2024
GIUSEPPE BERGOMI. Sculture 1982/2024
Posted on
Il GIORGIONE di Dumas
Il GIORGIONE di Dumas
Posted on
Honorata e gratiosa. La Loggia di GIORGIO VASARI
Honorata e gratiosa. La Loggia di GIORGIO VASARI
Posted on
Uomini. LUCIANO MINGUZZI in Valle d’Aosta
Uomini. LUCIANO MINGUZZI in Valle d’Aosta
Posted on
PIERO FOGLIATI. La città fantastica
PIERO FOGLIATI. La città fantastica
Posted on
Previous
Next
GIUSEPPE BERGOMI. Sculture 1982/2024
Il GIORGIONE di Dumas
Honorata e gratiosa. La Loggia di GIORGIO VASARI
Uomini. LUCIANO MINGUZZI in Valle d’Aosta
PIERO FOGLIATI. La città fantastica

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.