“Carla Bruni merita la morte”: lo scrive la stampa iraniana

I media iraniani non hanno apprezzato l’intervento di  Carla Bruni in favore di Sakineh Mohammadi Ashtiani, la donna condannata alla lapidazione per adulterio dalle autorita’ di Teheran. La televisione di stato  e il giornale filo-governativo ‘Kayhan’ hanno definito ”prostitute” la moglie del presidente francese Nicolas Sarkozy e l’attrice Isabelle Adjani, firmatarie entrambe della petizione a sostegno della donna.  – si Nell’editoriale del giornale si legge: – ”Recentemente Carla Bruni , la moglie infame di Nicolas Sarkozy, e Isabelle Adjani, l’attrice francese dalla morale corrotta, hanno espresso il loro sostegno in favore di Sakineh. Carla Bruni si e’ data da fare per rovinare il matrimonio di Sarkozy e diventare la premiere dame di Francia”. Lo stesso giornale ha scritto che Carla Bruni ”merita la morte”, definendo ”prostituta italiana” la moglie del presidente francese Nicolas Sarkozy.
Per Parigi le offese sulla stampa iraniana contro Carla Bruni-Sarkozy, premiere dame di Francia, sono ”inaccettabili”. ”Facciamo sapere alle autorita’ iraniane – ha detto oggi il portavoce del ministero degli Esteri, Bernard Valero – che gli insulti proferiti dal quotidiano Kayhan e ripresi da siti internet iraniani nei confronti di diverse personalita’ francesi, fra le quali Carla Bruni -Sarkozy, sono inaccettabili”. ”Facciamo pervenire questo messaggio – ha aggiunto il portavoce – attraverso le abituali vie diplomatiche”. Il quotidiano ultra-conservatore Kayhan aveva definito ”prostituta” la premiere dame per la sua vita privata che considera ”immorale”. L’attacco e’ arrivato dopo che Carla Bruni si era pronunciata, come molte personalita’ e cittadini di tutto il mondo, in difesa dell’iraniana Sakineh Mohammadi-Ahstiani, condannata a morte per lapidazione con l’accusa di adulterio e omicidio.

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.