DIORAMA. Generation Earth

- DATA INIZIO: 05/07/2024

- DATA FINE: 10/11/2024

- LUOGO: NUORO – Museo d’Arte Provincia di Nuoro/ MAN

- INDIRIZZO: Via Sebastiano Satta 7

- TEL: +39.0784.252110

Con DIORAMA Il museo d’Arte della Provincia di Nuoro/MAN invita il visitatore a vedere il mondo attraverso l’opera di artisti e riflettere sui temi più scottanti della contemporaneità

Il museo MAN di Nuoro ospita la mostra DIORAMA. Generation Earth, evento aperto al pubblico dal 5 luglio al 10 novembre

 

Il museo MAN di Nuoro ospita la mostra DIORAMA. Generation Earth, evento aperto al pubblico dal 5 luglio al 10 novembre
Installation view

 

Il MAN apre al pubblico nel 1999 all’interno di un edificio degli anni Venti.

Il primo nucleo della collezione nasce dall’accorpamento di alcune raccolte pubbliche (Provincia, Comune, Ente provinciale per il turismo, Camera di commercio) e nel 2013 il MAN ottiene il riconoscimento regionale come museo d’eccellenza.

La programmazione del museo prevede, oltre alla mission di conservazione e valorizzazione della collezione permanente, mostre temporanee attente in particolare al contesto territoriale.

Dal cinque luglio 2024 il Museo presenta DIORAMA. Generation Earth una mostra curata da Chiara Gatti ed Elisabetta Masala.

Con questa mostra il MAN trasforma tutte le sale del museo in uno spazio dinamico e sensibile, fatto di narrazioni e visioni, memorie della terra e nuovi orizzonti.

 Il MAN, come un gigantesco diorama – illusione in scatola di un mondo verosimile, dispositivo usato soprattutto nei musei di storia naturale per illustrare gli ambienti della biosfera, tornerà a proporre al pubblico una esperienza di “attraversamento” del museo, già sperimentata nel 2022 con la mostra SENSORAMA, interrogandosi ancora una volta su temi di attualità.

In un’epoca di mutamenti ecologici e sociali senza precedenti, con impatti che si estendono in maniera inedita attraverso tempo e spazio, è importante per l’uomo ripensare il proprio rapporto con il mondo e le sue rapide metamorfosi.

L’umanità è di fronte ad una trasformazione ecologica globale che impone una riflessione profonda sulla condizione dell’essere umano, sulla storia della terra e sul legame con le altre specie viventi.

Ripensare però la relazione con il pianeta implica la ricerca di nuovi linguaggi e nuove forme di comunicazione, essenziali per rinnovare le connessioni tra il mondo umano e quello non umano.

È dalla convinzione di dover partecipare attivamente a questo processo di reinvenzione che nasce DIORAMA – Generation Earth.

L’idea di essere la prima generazione che si confronta con la possibilità realistica dell’estinzione della propria specie comporta un forte senso di inquietudine.

Partendo da questa condizione di smarrimento, DIORAMA esplora, senza la pretesa di essere analitica ed esaustiva, l’attuale scenario, proponendo possibili visioni che riflettano su tematiche tanto urgenti.

Un percorso d’arte che parte dallo spettacolo della genesi, poi presenta la produzione in serra, cui seguono scenari di un futuro prossimo per chiudersi in un tunnel di luce che evoca un laboratorio.

A realizzare questo percorso sono stati chiamati questi artisti, diversi per età, origine e tecniche di produzione:

Vanessa Barragão, Massimo Bartolini, Susanna Bauer, Alessandro Biggio, Eelco Brand, Julia Carrillo, Giovanni Chiamenti, Elisabetta Di Maggio, Alexandra Daisy Ginsberg, Thomas Grünfeld, Sarah Illenberger, Georges Koutsouris, Mariko Kusumoto, Chiara Lecca, Christiane Löhr, Théo Massoulier, Wangechi Mutu, Patrizia Novello, Francesco Panozzo, Marta Roberti, Giuliana Rosso, Kiki Smith, Ketty Tagliatti, Thomas Thwaites, Luca Trevisani, Anna Citelli e Raoul Bretzel.

ORARI DI APERTURA

  • Martedì domenica 10.00 – 19.00

INFO

Dallo splendore alle incertezze. 1910-1950 Storia di una collezione privata
Dallo splendore alle incertezze. 1910-1950 Storia di una collezione privata
Posted on
Fabio Di Lizio: “Sottosuolo” in mostra a L’Aquila
Fabio Di Lizio: “Sottosuolo” in mostra a L’Aquila
Posted on
Nel tempo
Nel tempo
Posted on
GAE AULENTI
GAE AULENTI
Posted on
UZBEKISTAN: l’Avanguardia nel deserto. La Forma e il Simbolo
UZBEKISTAN: l’Avanguardia nel deserto. La Forma e il Simbolo
Posted on
Previous
Next
Dallo splendore alle incertezze. 1910-1950 Storia di una collezione privata
Fabio Di Lizio: “Sottosuolo” in mostra a L’Aquila
Nel tempo
GAE AULENTI
UZBEKISTAN: l’Avanguardia nel deserto. La Forma e il Simbolo

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.