ALLYSON STRAFELLA: Viveka

Controllare preventivamente esattezza dei dati su mostra, orari e condizioni d’ingresso nel sito

- DATA INIZIO: 20/05/2021

- DATA FINE: 28/08/2021

- LUOGO: MILANO- Galleria Raffaella Cortese

- INDIRIZZO: Via Stradella 4

- TEL: +39 02 2043555

L’artista è nota per le sue opere “dattiloscritte”, dove usa la macchina da scrivere per realizzare opere in cui segni grafici e parole lasciano la pagina per dare spazio al disegno.

ALLYSON STRAFELLA: Viveka

 

Allyson-Strafella_viveka_2021_Installation-view_
Allyson-Strafella_viveka_2021_Installation-view_

 

La Galleria Raffaella Cortese è una delle principali gallerie d’arte contemporanea italiane.

Fondata nel 1995, la galleria è stata aperta per la prima volta nell’appartamento in cui Raffaella visse da studentessa.

La galleria si è trasferita nella sua attuale sede in Via A. Stradella, 7 nel 2003.

Dal 20 maggio 2021 la galleria ospiterà una mostra personale dell’artista americana Allyson Strafrella.

La mostra fa parte del progetto espositivo della Galleria dedicato al disegno, con le parallele mostre di Silvia Bächli e Jessica Stockholder.

Il titolo della mostra, viveka, deriva dall’antica lingua pali, lingua indiana considerata tradizionalmente come la lingua della religione Maghadha parlata dal Buddha.

Viveka è un termine che per Strafella racchiude in sé l’esperienza particolare che l’umanità intera ha vissuto e in parte sta ancora vivendo.

Sebbene ci siano diverse traduzioni per questa parola, quella che vale nella interpretazione per Strafella parla dei concetti di “isolamento + assorbimento”.

L’anno 2020 ha costretto a restare a casa e stare da soli con noi stessi a causa della pandemia.

Anche se a disagio per molti, il tempo in isolamento dal mondo ha fornito l’opportunità di essere assorbiti nella pratica: la pratica della mediazione, la pratica del disegno.

Lo studio di Strafella è stato un rifugio gradito per impegnarsi con questo concetto di isolamento + assorbimento.

Allyson Strafella da oltre vent’anni usa nei suoi disegni la macchina da scrivere.

Lei ha sviluppato i suoi segni che sono il suo linguaggio visivo: un linguaggio del disegno “scritto”.

Il suo lavoro è stato esposto a livello internazionale ed è anche nelle collezioni del Metropolitan Museum of Art, New York e del Museum of Modern Art, New York, tra gli altri.

 

ORARI

  • Da martedì a sabato ore 10.00 – 13.00 / 15.00 – 19.30

INFO

Petit tour # 71. Daniele Calabi. Sistemazione dell’ex Convento dei Tolentini a nuova sede dell’Istituto Universitario di Architettura di Venezia, 1960-1964
Petit tour # 71. Daniele Calabi. Sistemazione dell’ex Convento dei Tolentini a nuova sede dell’Istituto Universitario di Architettura di Venezia, 1960-1964
Posted on
CEN LONG. Sowing hope/Seminare speranza
CEN LONG. Sowing hope/Seminare speranza
Posted on
NATURA/UTOPIA. L’arte tra ecologia, riuso e futuro
NATURA/UTOPIA. L’arte tra ecologia, riuso e futuro
Posted on
LO SGUARDO DEL SENTIRE. Il Seicento emiliano dalle collezioni d’arte Credem
LO SGUARDO DEL SENTIRE. Il Seicento emiliano dalle collezioni d’arte Credem
Posted on
Sguardi di intesa. La moda fotografata dalle donne
Sguardi di intesa. La moda fotografata dalle donne
Posted on
Previous
Next
Petit tour # 71. Daniele Calabi. Sistemazione dell’ex Convento dei Tolentini a nuova sede dell’Istituto Universitario di Architettura di Venezia, 1960-1964
CEN LONG. Sowing hope/Seminare speranza
NATURA/UTOPIA. L’arte tra ecologia, riuso e futuro
LO SGUARDO DEL SENTIRE. Il Seicento emiliano dalle collezioni d’arte Credem
Sguardi di intesa. La moda fotografata dalle donne

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.