Tano Festa: Un Artista Originario

Controllare preventivamente esattezza dei dati su mostra, orari di apertura, di ultimo ingresso e condizioni di accesso in relazione alle vigenti normative ANTICOVID

- DATA INIZIO: 16/01/2023

- DATA FINE: 18/03/2023

- LUOGO: MILANO – M77 Gallery

- INDIRIZZO: Via Mecenate 77

- TEL: (+39) 0284571243

Tano Festa è stato uno degli artisti italiani più vicini alla Pop Art, anche se era ben consapevole della differenza di contesto tra Stati Uniti ed Italia

Tano Festa: Un Artista Originario – Mostra Tano Festa Milano

 

Mostra Tano Festa Milano
Mostra Tano Festa Installation view

 

MILANO – M77 Gallery Via Mecenate 77

Dal 16/01 al 18/03/2023

Fino al 18 marzo 2023 a Milano, alla galleria M77, sarà aperta al pubblico la mostra TANO FESTA: UN ARTISTA ORIGINARIO, a cura di Francesca Alfano Miglietti, con la collaborazione tecnico scientifica dell’Archivio Tano Festa diretto da Anita Festa.

Tano Festa (Roma, 1938 – 1988), artista, pittore e fotografo dalla vita intensa, è stato uno degli artisti italiani più vicini alla Pop Art.

In gioventù diventa amico di una serie di artisti romani riunitisi nel gruppo della Scuola di Piazza del Popolo, tra cui Franco Angeli, Mario Schifano e Jannis Kounellis.

Ben presto raggiunge una discreta fama che lo porta a partecipare ad importanti mostre e a collaborare con importanti gallerie di Roma.

Spesso è stato considerato un esponente della cosiddetta Pop Art italiana, ma per Festa il contesto in cui si sviluppava la ricerca artistica tra gli Stati Uniti e l’Italia era molto diverso.

Assieme ai colleghi della Scuola di Piazza del Popolo in Italia si poteva parlare  piuttosto di arte “popolare”, che prende spunto dai grandi capolavori del passato per renderli attuali.

Nel 1993, in occasione della Biennale di Venezia, Francesca Alfano Miglietti aveva curato una grande mostra retrospettiva di Tano Festa.

Trent’anni dopo è stata chiamata la stessa Miglietti per organizzare una mostra dell’artista a Milano.

L’esposizione alla galleria M77 presenta circa 100 opere dell’artista, realizzate tra 1960 e 1987, molte delle quali sono il risultato di prestiti importanti provenienti dalla Collezione Olnick Spanu di New York, dalla Fondazione Jacorossi di Roma, dalla Galleria Il Ponte di Firenze, dalla Galleria La Nica e dalla Galleria Marchetti di Roma.

In mostra quadri e disegni di diversi periodi – pitture, sovrapposizioni, collage fotografici, porte, finestre, persiane, armadi, specchi, pianoforti e obelischi – che sottolineano la potenza di Tano Festa, autore di un’operazione artistica sofisticata ed estraniante, fino alla messa in evidenza della sua ammirazione dichiarata per le atmosfere e per la pittura di De Chirico, del suo amore per Roma come città eterna, della sua attenzione per i maestri del colore.

 

ORARI DI APERTURA

  • Martedì > sabato 11.00 – 19.00

INFO

Dallo splendore alle incertezze. 1910-1950 Storia di una collezione privata
Dallo splendore alle incertezze. 1910-1950 Storia di una collezione privata
Posted on
Fabio Di Lizio: “Sottosuolo” in mostra a L’Aquila
Fabio Di Lizio: “Sottosuolo” in mostra a L’Aquila
Posted on
Nel tempo
Nel tempo
Posted on
GAE AULENTI
GAE AULENTI
Posted on
UZBEKISTAN: l’Avanguardia nel deserto. La Forma e il Simbolo
UZBEKISTAN: l’Avanguardia nel deserto. La Forma e il Simbolo
Posted on
Previous
Next
Dallo splendore alle incertezze. 1910-1950 Storia di una collezione privata
Fabio Di Lizio: “Sottosuolo” in mostra a L’Aquila
Nel tempo
GAE AULENTI
UZBEKISTAN: l’Avanguardia nel deserto. La Forma e il Simbolo

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.