TASSILAND

Giuseppe Tassi

Giuseppe Tassi

Sinisa Mihajlovic, addio guerriero

Non c’è modo migliore di chiamarti, Sinisa

Sinisa Mihajlovic, addio guerriero
Bologna’s head coach Sinisa Mihajlovic during the Italian Serie A soccer match SSC Napoli vs Bologna FC at the Diego Armando Maradona stadium in Naples, Italy, 07 March 2021. ANSA/CESARE ABBATE
Bologna’s head coach Sinisa Mihajlovic during the Italian Serie A soccer match SSC Napoli vs Bologna FC at the Diego Armando Maradona stadium in Naples, Italy, 07 March 2021. ANSA/CESARE ABBATEANSA / CESARE ABBATE
Addio guerriero.
Non c’è modo migliore di chiamarti, Sinisa.
Avevi le stimmate del leader fin da giocatore, il piglio del corsaro che sa procurare il bottino alla sua ciurma.
Terzino e poi esterno con la vocazione del gol.
Bandiera nella tua Stella Rossa in Serbia e poi Roma, Sampdoria, Lazio e Inter.
Sapevi sempre calarti nei mondi che hai attraversato, fino a conquistarli con le armi della schiettezza, con quel sorriso un po ‘ gaglioffo e quel sinistro potente come una bomba terra-aria e preciso come un computer.
Eri già allenatore di anime e di calciatori ancor prima di sederti in panchina.
Ti veniva naturale il ruolo di totem e di predicatore disincantato.
Tutte doti che hai regalato a piene mani nella tua esperienza bolognese: un percorso irripetibile fatto di entusiasmi e cadute, di vittorie spellamani e di strane apnee.
La città ti ha adottato come un figlio il sindaco ti ha fatto cittadino onorario per il coraggio dimostrato in campo e nella lunga , estenuante guerra con la malattia.
Anche quel male subdolo lo hai sfidato a viso aperto, lo hai aggredito come il più perfido degli avversari.
Hai provato con un tackle e hai pure vinto il primo round mentre i tuoi giocatori portavano lo scalpo della vittoria sotto le finestre dell’ospedale diventato cella.
Quando la leucemia ti ha attaccato di nuovo, le hai detto con rabbia che aveva fatto male a sfidarti.
E hai avuto ragione tu, perché invece di cancellarti dal mondo e dai ricordi, ti ha reso eterno, come tutti gli eroi che muoiono giovani.
Buon viaggio guerriero Sinisa il popolo che sali in processione a San Luca per testimoniare la sua solidarietà è sempre in cammino.
Accanto a te.

Di Giuseppe Tassi

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.