Materia. Il legno che non bruciò ad Ercolano

- DATA INIZIO: 14/12/2022

- DATA FINE: 31/12/2023

- LUOGO: PORTICI (NA) – Reggia di Portici

- INDIRIZZO: Via dell’Università 100

- TEL: +39 0812532016

La culla di un bimbo in legno, un tavolino ad ornamento delle domus, letti, teche e casse di rara bellezza sono stati restituiti non bruciati dagli scavi di Ercolano.

Materia. Il legno che non bruciò ad Ercolano – Una mostra su Ercolano

 

Mostra Ercolano Reggia dei Portici
Manifesto Mostra Ercolano

 

PORTICI (NA) – Reggia di Portici Via dell’Università 100

Dal 14/12/2022 al 31/12/2023

Una mostra di lunga durata è quella che si è inaugurata il 14 dicembre 2022 nella Reggia di Portici.

Durerà infatti tutto l’anno 2023 la mostra Materia. Il legno che non bruciò ad Ercolano, che presenta 120 oggetti in legno recuperati negli scavi di Ercolano.

Si tratta di una mostra di eccezionale valore storico e scientifico in quanto Ercolano è l’unico sito di epoca romana ad aver conservato manufatti in legno, incredibilmente salvati dal fuoco del Vesuvio.

La mostra è il risultato di una straordinaria collaborazione interistituzionale tra il Parco Archeologico di Ercolano, la Città Metropolitana di Napoli, il Dipartimento di Agraria e del Musa – Centro Museale Reggia di Portici dell’Università degli Studi di Napoli Federico II, con il contributo della Regione Campania – Direzione Generale per le Politiche Culturali ed il Turismo e di partner privati.

I visitatori avranno la possibilità di vedere uno spaccato della vita degli antichi abitanti attraverso il patrimonio ligneo che abbelliva le case, oggetti come la culla di un bimbo in legno, un tavolino ad ornamento delle domus, letti, teche e casse di rara bellezza ma anche i resti di un’imbarcazione con oggetti legati alla pesca.

Un legno ben conservato grazie al tipo di seppellimento causato da ondate di fango vulcanico dell’eruzione del Vesuvio del 79 d.C.

La coltre piroclastica di circa 20 metri di spessore ha inglobato anche materiali, utensili, arredi in legno che si sono carbonizzati ma non bruciati.

La conservazione è merito del lavoro di operai, restauratori, archeologi che si sono succeduti nella gestione del sito fino ai nostri giorni.

 

ORARI DI APERTURA

  • Tutti i giorni eccetto lunedì
  • Orario invernale: ore 9.30-17.30 (ultimo ingresso ore 15.30).
  • Orario estivo: ore 9.30-19.00 (ultimo ingresso ore 17.30).

INFO

Una stagione romantica al Palazzetto Bru Zane: passione violoncello e celebrazioni per Georges Bizet
Una stagione romantica al Palazzetto Bru Zane: passione violoncello e celebrazioni per Georges Bizet
Posted on
Arte Laguna Prize: i finalisti delle edizioni 18ᵃ e 19ᵃ
Arte Laguna Prize: i finalisti delle edizioni 18ᵃ e 19ᵃ
Posted on
PARK EUN SUN. L’eredità della scultura
PARK EUN SUN. L’eredità della scultura
Posted on
MARIO ARLATI. LORO all’Alpemare
MARIO ARLATI. LORO all’Alpemare
Posted on
BALLO&BALLO.  Fotografia e design a Milano, 1956-2005
BALLO&BALLO. Fotografia e design a Milano, 1956-2005
Posted on
Previous
Next
Una stagione romantica al Palazzetto Bru Zane: passione violoncello e celebrazioni per Georges Bizet
Arte Laguna Prize: i finalisti delle edizioni 18ᵃ e 19ᵃ
PARK EUN SUN. L’eredità della scultura
MARIO ARLATI. LORO all’Alpemare
BALLO&BALLO. Fotografia e design a Milano, 1956-2005

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

2 thoughts on “Materia. Il legno che non bruciò ad Ercolano

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.