ALBERTO GIACOMETTI. Ne pas parler de sculptures peintes

- DATA INIZIO: 02/07/2024

- DATA FINE: 03/11/2024

- LUOGO: PARIGI - Institut Giacometti

- INDIRIZZO: 5, Rue Victor Schœlcher

Alberto Giacometti (1901 1966), è tra gli artisti più rappresentativi della scultura del Novecento

Institut Giacometti di Parigi ospita la mostra ALBERTO GIACOMETTI. Ne pas parler de sculptures peintes, fino al 3 novembre

 

nstitut Giacometti di Parigi ospita la mostra ALBERTO GIACOMETTI. Ne pas parler de sculptures peintes, fino al 3 novembre
Installation view

 

Sostenuto dalla Fondazione Giacometti l’Istituto Giacometti di Parigi è il punto di riferimento per il lavoro di Giacometti dedicato alle mostre, alla ricerca e alla pedagogia.

Con un’area di 350 m2, il Giacometti Institute si trova nel 14 ° Arrondissement, nel distretto di Montparnasse, dove Giacometti ha vissuto e lavorato per tutta la sua carriera.

Nato a Stampa nel cantone dei Grigioni in Svizzera, da famiglia di origini italiane,  ma parigino d’elezione e di formazione Alberto Giacometti (1901 1966), è tra gli artisti più rappresentativi della scultura del Novecento.

Partendo dall’esperienza di Rodin, filtrata da Émile Bourdelle, la sua scultura evolve attraverso il contatto con l’arte primitiva e oceanica.

Dopo una breve esperienza surrealista, raggiunge la maturità espressiva alla fine degli anni Quaranta con le sue celebri figure filiformi, fragilissime icone della modernità.

Dal 2 luglio l’Istituto presenta la mostra ALBERTO GIACOMETTI. Ne pas parler de sculptures peintes, titolo che riprende l’’espressione che Giacometti ha rivolto al suo gallerista Pierre Matisse, nel 1950: Ne pas parler de sculptures peintes.. la couleur fait partie de la sculpture, [les sculptures] sont peintes à l’huile comme les tableaux. / Per non parlare delle sculture dipinte… il colore è parte della scultura, [le sculture] sono dipinte a olio come i quadri.

È il desiderio di realizzare figure “vive” che spinge l’artista ad utilizzare la sua tavolozza e i suoi pennelli per “animare” le sue sculture, piccole o grandi che siano.

L’Istituto Giacometti presenta per la prima volta gran parte della sua collezione di gessi dipinti, riunendo opere emblematiche come Stele, Donne di Venezia e Figurine in gabbia e rivelando così al pubblico una parte commovente e segreta dell’opera dell’artista.

In tutte le fasi della sua carriera, Alberto Giacometti ha dimostrato il suo desiderio di connettere intimamente scultura e pittura, dipingendo alcune delle sue sculture in gesso e bronzo, arrivando talvolta addirittura a dipingere su opere complete installate in una mostra.

ORARI DI APERTURA

  • Martedì > domenica 10.00 – 18.00
  • (ultimo ingresso 40 minuti prima della chiusura)

INFO

Dallo splendore alle incertezze. 1910-1950 Storia di una collezione privata
Dallo splendore alle incertezze. 1910-1950 Storia di una collezione privata
Posted on
Fabio Di Lizio: “Sottosuolo” in mostra a L’Aquila
Fabio Di Lizio: “Sottosuolo” in mostra a L’Aquila
Posted on
Nel tempo
Nel tempo
Posted on
GAE AULENTI
GAE AULENTI
Posted on
UZBEKISTAN: l’Avanguardia nel deserto. La Forma e il Simbolo
UZBEKISTAN: l’Avanguardia nel deserto. La Forma e il Simbolo
Posted on
Previous
Next
Dallo splendore alle incertezze. 1910-1950 Storia di una collezione privata
Fabio Di Lizio: “Sottosuolo” in mostra a L’Aquila
Nel tempo
GAE AULENTI
UZBEKISTAN: l’Avanguardia nel deserto. La Forma e il Simbolo

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.