Perfect Behaviors. La vita ridisegnata dell’algoritmo

- DATA INIZIO: 29/03/2023

- DATA FINE: 25/06/2023

- LUOGO: TORINO – OGR Cult – Binari 1 e 2

- INDIRIZZO: Corso Castelfidardo, 22

Una mostra collettiva che intende restituire al visitatore narrazioni alternative al determinismo tecnologico dominante.

Perfect Behaviors. La vita ridisegnata dell’algoritmo – Mostra Torino

 

Mostra OGR Torino
Immagine ufficiale mostra sito

 

TORINO – OGR Cult – Binari 1 e 2 Corso Castelfidardo, 22

Dal 29/03 al 25/06/2023

Mercoledì 29 marzo 2023 le Officine Grandi Riparazioni/OGR inaugurano Perfect Behaviors. La vita ridisegnata dell’algoritmo, una mostra collettiva a cura di Giorgio Olivero.

La mostra offre uno spazio di indagine sul cambiamento dei comportamenti individuali e collettivi in una società in cui si è costantemente classificati, misurati, simulati e riprogrammati.

La mostra presenta opere di

Universal Everything (Regno Unito), collettivo in fase di espansione che include designers, programmatori, musicisti e artisti.

Paolo Cirio (Italia 1979), artista concettuale, hacktivista e critico culturale che nel lavoro incarna l’etica degli Hacker, come accesso aperto a tutti i sistemi.

Eva e Franco Mattes (Italia), coppia di artisti italiani che vive a New York, tra i primi artisti ad aver usato Internet come medium per creare arte.

Brent Watanabe (Stati Uniti), artista americano che lavora con i media digitali.

Geumhyung Jeong (Corea del Sud 1980) performance artist, ballerina e coreografa sudcoreana.

James Bridle (Regno Unito1980), esperto di tecnologia, scrittore, giornalista e artista visivo che si occupa dei modi in cui il mondo digitale e in rete raggiunge quello fisico.

Sono tutte opere orientate al raggiungimento di un obiettivo comune: restituire al visitatore narrazioni alternative al determinismo tecnologico dominante, contribuendo a rendere visibile ciò che è invisibile, anche se vicino.

In un contesto in cui la quantificazione della vita quotidiana è ad opera di sistemi sempre più sofisticati di raccolta dati, la mostra mette in discussione l’idea di intelligenza artificiale come potente creatura autonoma all’interno di opache scatole nere, sottolineando invece come, dietro agli strumenti di misurazione delle interazioni, ci sia sempre l’intervento di qualcuno.

ORARI DI APERTURA

  • Giovedì e venerdì, 18.00 – 22.00
  • Sabato e domenica, 10.00 – 20.00
  • NB Ingresso gratuito

INFO

Dallo splendore alle incertezze. 1910-1950 Storia di una collezione privata
Dallo splendore alle incertezze. 1910-1950 Storia di una collezione privata
Posted on
Fabio Di Lizio: “Sottosuolo” in mostra a L’Aquila
Fabio Di Lizio: “Sottosuolo” in mostra a L’Aquila
Posted on
Nel tempo
Nel tempo
Posted on
GAE AULENTI
GAE AULENTI
Posted on
UZBEKISTAN: l’Avanguardia nel deserto. La Forma e il Simbolo
UZBEKISTAN: l’Avanguardia nel deserto. La Forma e il Simbolo
Posted on
Previous
Next
Dallo splendore alle incertezze. 1910-1950 Storia di una collezione privata
Fabio Di Lizio: “Sottosuolo” in mostra a L’Aquila
Nel tempo
GAE AULENTI
UZBEKISTAN: l’Avanguardia nel deserto. La Forma e il Simbolo

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

1 thought on “Perfect Behaviors. La vita ridisegnata dell’algoritmo

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.