ISABELLA DUCROT. Vegetal devotion

- DATA INIZIO: 08/06/2024

- DATA FINE: 28/09/2024

- LUOGO: THIENE (VI) Fondazione Sandra e Giancarlo Bonollo per l‘arte contemporanea

- INDIRIZZO: Ex Chiesa delle Dimesse -Via dell’Eva, 1

ISABELLA DUCROT. Vegetal devotion curata da Maria Papini, è una delle due mostre inaugurali della Fondazione Bonollo di Thiene

Fondazione Sandra e Giancarlo Bonollo di Thiene ospita la mostra ISABELLA DUCROT. Vegetal devotion, fino al 28 settembre

 

Fondazione Sandra e Giancarlo Bonollo di Thiene ospita la mostra ISABELLA DUCROT. Vegetal devotion, fino al 28 settembre
Installation view

 

La Fondazione Sandra e Giancarlo Bonollo per l’arte contemporanea nasce nel 2023 come istituzione no profit con l’obiettivo di promuovere l’arte contemporanea e i nuovi linguaggi artistici emergenti.

Dopo oltre 30 anni di collezionismo appassionato dal respiro internazionale, i fondatori, Giancarlo Bonollo e Sandra Dal Santo, oggi desiderano condividere con il territorio la loro esperienza.

L’intento profondo è quello di creare un polo espositivo che sia punto di riferimento per l’arte contemporanea internazionale, grazie a curatele ed artisti di spessore che si distinguono per un linguaggio estetico innovativo.

La Fondazione ha sede nel cuore di Thiene negli spazi appena restaurati e restituiti al pubblico dopo quasi dieci anni di chiusura del complesso dell’Ex Chiesa delle Dimesse.

Il programma espositivo della Fondazione si sviluppa in due percorsi paralleli seguiti dalle due curatrici la napoletana Chiara Nuzzi classe 1986 e la reggiana Maria Papini classe 1985.

Il programma di Nuzzi è focalizzato sulle opere donate alla Fondazione dalla collezione privata della famiglia Bonollo, mentre quello di Papini presenta mostre personali di artisti contemporanei ed emergenti.

Delle due mostre di apertura del programma Maria Papini ha curato la mostra Vegetal devotion dell’artista napoletana Isabella Ducrot (1931).

Le opere di Isabella Ducrot rappresentano piante e fiori in vaso, creati dalla sovrapposizione di ritagli di carte e tessuti dai colori accesi e da elementi come fili di lana e ricami.

Ogni composizione è irripetibile, perché attinge a un archivio di materiali antichi, raccolti dall’artista negli anni durante i numerosi viaggi in Asia.

 La Pala e il Trittico, pensate per la mostra a Thiene, omaggiano in particolare la scrittura e l’arte della calligrafia, incorporando frammenti di corrispondenze epistolari cuciti sui tessuti.

Gigli in fiore e viti cariche di grappoli d’uva decorano il legno antico e scuro del portone d’ingresso della Chiesa delle Dimesse a Thiene, che delimita il confine tra spazio sacro e profano.

Nella storia dell’arte sacra piante, fiori e alberi hanno sempre avuto una funzione simbolica, non sono mai stati il soggetto per se stessi.

Isabella Ducrot. Vegetal Devotion dà spazio ai soggetti tradizionalmente esclusi dallo sguardo antropocentrico e patriarcale della storia dell’arte occidentale.

ORARI DI APERTURA

  • Giovedì > sabato 11.00 – 18.00
  • (Lunedì > mercoledì su appuntamento)

INFO

LORENZO SCOTTO DI LUZIO. Tout le monde se fout des fleurs
LORENZO SCOTTO DI LUZIO. Tout le monde se fout des fleurs
Posted on
MARIO MERZ. Qualcosa che toglie il peso
MARIO MERZ. Qualcosa che toglie il peso
Posted on
MOVIE ICONS. Oggetti dai set di Hollywood
MOVIE ICONS. Oggetti dai set di Hollywood
Posted on
Mostra “MIKE BONGIORNO 1924 – 2024” a Palazzo Reale a Milano
Mostra “MIKE BONGIORNO 1924 – 2024” a Palazzo Reale a Milano
Posted on
…senza turbare una stella di Beatrice Pediconi alla z2o Sara Zanin
…senza turbare una stella di Beatrice Pediconi alla z2o Sara Zanin
Posted on
Previous
Next
LORENZO SCOTTO DI LUZIO. Tout le monde se fout des fleurs
MARIO MERZ. Qualcosa che toglie il peso
MOVIE ICONS. Oggetti dai set di Hollywood
Mostra “MIKE BONGIORNO 1924 – 2024” a Palazzo Reale a Milano
…senza turbare una stella di Beatrice Pediconi alla z2o Sara Zanin

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.