CARLOS GARAICOA. Ascoltare il volo degli uccelli

- DATA INIZIO: 23/03/2024

- DATA FINE: 06/10/2024

- LUOGO: ASSISI – Rocca Maggiore

- INDIRIZZO: Via della Rocca

Un dialogo tra arte e spazio urbano nell’antica Rocca Maggiore di Assisi

La Rocca Maggiore di Assisi ospita la mostra di CARLOS GARAICOA. Ascoltare il volo degli uccelli, fino al 6 ottobre

 

La Rocca Maggiore di Assisi ospita la mostra di CARLOS GARAICOA. Ascoltare il volo degli uccelli, fino al 6 ottobre
Installation view

 

Riaperta al pubblico nel 2023 dopo un lungo e complesso intervento di restauro e qualificazione, la Rocca Maggiore di Assisi ospita fino al 6 ottobre la mostra Ascoltare il volo degli uccelli dell’artista cubano Carlos Garaicoa (L’avana 1967), specializzato in fotografia e installazioni, che ha scelto una delle location più suggestive della città per esporre alcune delle sue creazioni più iconiche.

La ricerca artistica di Carlos Garaicoa si è caratterizzata per un dialogo tra arte e spazio urbano, che indaga la struttura sociale delle nostre città in termini di architettura e utilizzo degli spazi.

Egli usa una duplice lente, quella cubana delle origini e quella europea dell’attuale residenza, per affrontare le questioni della cultura e della politica attuali e per orientare il suo lavoro che si sviluppa in discipline diverse.

Egli parte infatti dalla città dell’Avana, dove è nato, cresciuto e ha studiato.

Ora, vivendo e lavorando a Madrid, il suo lavoro può essere interpretato e applicato in molti contesti urbani globali.

Le sue sculture, i disegni, i video e le fotografie trovano un modo per criticare l’architettura utopica modernista e le ideologie del XX secolo ad esse collegate, esaminando la città come spazio simbolico rappresentativo del nostro tessuto sociale.

Ascoltare il volo degli uccelli prodotta da Opera Laboratori in collaborazione con Galleria Continua, si inserisce nel progetto di valorizzazione denominato “ Assisi – Serafica Bellezza”, che prevede la visita della città attraverso un percorso artistico e spirituale per approfondire la conoscenza di musei, piazze, palazzi, monumenti, siti archeologici, chiese e conventi.

La mostra, curata da Ilaria Gianni, presenta quattro opere iconiche di Carlos che offrono una panoramica della sua pratica negli ultimi due decenni:

  • Soñamos en la superficie rayada de un cristal (2022) che affronta i temi dell’immagine come riflesso, la replicazione della realtà e la dialettica tra immagine e parola.
  • Oratorio (2022) che riflette su temi cari all’artista cubano, come la ricerca sullo spazio urbano e architettonico, facendo anche riferimento alla distruzione.

L’opera è composta da momenti diversi che si intrecciano tra loro.

Grandi sculture reminiscenti di ponteggi e materiali da costruzione, trasformati da enormi reti colorate, sono un chiaro riferimento ai lavori di ristrutturazione delle città e agli edifici abbandonati.

  • No Way Out (2002), parte di una serie più ampia chiamata Nuove Architetture che si concentra sulla creazione della “città ideale”, prendendo in considerazione l’istituzione di uno spazio più introspettivo e interno.
  • Ahora juguemos a desaparecer (I) | Now Let’s Play to Disappear (I) (2001) ancora sulla città ideale, affrontata nuovamente come concetto nell’opera.

Una città immaginaria fatta di candele rappresenta edifici storici provenienti da diverse parti del mondo, rivelando l’interesse dell’artista per la costruzione e gli ideali urbani, nonché introducendo concetti di memoria, rovina, decadenza e potere.

 

ORARI DI APERTURA

  • Tutti i giorni 10.00 – 19.00

INFO

BELLE ÉPOQUE.  I pittori italiani della vita moderna. Da Lega e Fattori a Boldini e De Nittis a Nomellini e Balla
BELLE ÉPOQUE. I pittori italiani della vita moderna. Da Lega e Fattori a Boldini e De Nittis a Nomellini e Balla
Posted on
LORENZO SCOTTO DI LUZIO. Tout le monde se fout des fleurs
LORENZO SCOTTO DI LUZIO. Tout le monde se fout des fleurs
Posted on
MARIO MERZ. Qualcosa che toglie il peso
MARIO MERZ. Qualcosa che toglie il peso
Posted on
MOVIE ICONS. Oggetti dai set di Hollywood
MOVIE ICONS. Oggetti dai set di Hollywood
Posted on
Mostra “MIKE BONGIORNO 1924 – 2024” a Palazzo Reale a Milano
Mostra “MIKE BONGIORNO 1924 – 2024” a Palazzo Reale a Milano
Posted on
Previous
Next
BELLE ÉPOQUE. I pittori italiani della vita moderna. Da Lega e Fattori a Boldini e De Nittis a Nomellini e Balla
LORENZO SCOTTO DI LUZIO. Tout le monde se fout des fleurs
MARIO MERZ. Qualcosa che toglie il peso
MOVIE ICONS. Oggetti dai set di Hollywood
Mostra “MIKE BONGIORNO 1924 – 2024” a Palazzo Reale a Milano

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.