Sabrina D’Alessandro, Resurrezioni, Insurrezioni, Azioni 2009-2021.

Controllare preventivamente esattezza dei dati su mostra, orari e condizioni d’ingresso nel sito. NB obbligo Green Pass per accedere agli spazi espositivi chiusi

- DATA INIZIO: 08/10/2021

- DATA FINE: 20/03/2022

- LUOGO: LA SPEZIA - CAMeC

- INDIRIZZO: Piazza Cesare Battisti, 1

- TEL: +390187727530

Per Sabrina d’Alessandro scrutare tra le pieghe delle parole è come scrutare dentro un’anima, e viceversa.

Sabrina D’Alessandro, Resurrezioni, Insurrezioni, Azioni 2009-2021.

 

 

Il CAMeC Centro Arte Moderna e Contemporanea della Spezia presenta un inedito progetto espositivo dedicato a Sabrina D’Alessandro (Milano 1975) in collaborazione con Piccolo Museo del Progetto e Kumo Design di Milano.

La mostra, dal titolo Resurrezioni, Insurrezioni, Azioni 2009-2021, nasce dal pluriennale progetto che Sabrina D’Alessandro conduce dal 2009, quando ha fondato il suo URPS – Ufficio Resurrezione Parole Smarrite.

La ricerca di Sabrina D’Alessandro è infatti basata sulla “resurrezione” di parole obsolete, parole dimenticate, abbandonate dal linguaggio comune, cancellate dall’uso nel corso del tempo.

D’Alessandro le ricerca e le richiama tramite sculture, performance, canti, spettacoli, aste, censimenti, parate di paese e chi più ne ha più ne metta.

Un gioco, seppur ufficioso e con le sue rigide regole per tenere tutto sotto controllo.

L’URPS di basa su alcuni semplici principi, racconta l’artista.

Il primo è ‘oggettificare per ricordare’: dare un ingombro fisico alle parole, in modo che non volino più a dispetto del detto latino verba volant.

Alcune diventano sculture, come ad esempio la panchina Fannònnola (aggettivo in uso nel XV secolo per indicare chi non fa e non vuole fare niente) o la Pietra Sbagliona (da scagliare se si è senza peccato).

Altro principio è che ‘le parole dicono l’uomo’, per cui molti lavori dell’URPS instaurano una relazione con il pubblico.

Come, ad esempio la serie dei Censimenti Peculiari (2012-2019), installazioni itineranti che indagano l’umano sentire attraverso l’esposizione di parole del passato che descrivono stati d’animo del presente o del futuro.

Ha anche pubblicato libri con queste parole risorte.

Visitando la mostra del CAMeC si ripercorrono i momenti salienti della produzione artistica di Sabrina D’Alessandro, dal 2009 a oggi, seguendo un filo conduttore: le parole si trasformano sempre in opere d’arte visiva e performativa, richiedendo spesso l’interazione con l’osservatore.

Il percorso espositivo va al di là della mera esposizione delle opere, poiché il visitatore si trova innanzitutto di fronte a parole semisconosciute, e quindi ha la curiosità di scoprirne il significato, e talvolta inoltre si trova a interagire con le opere stesse, sotto forma di gioco.

ORARI DI APERTURA

  • martedì > domenica 11.00 – 18.00

INFO

ARTE PADOVA 2024. 34^ Mostra mercato d’arte moderna e contemporanea
ARTE PADOVA 2024. 34^ Mostra mercato d’arte moderna e contemporanea
Posted on
AMART  2024.  Antiquariato un piacere contemporaneo
AMART 2024. Antiquariato un piacere contemporaneo
Posted on
Dino Ignani. Dark Portraits
Dino Ignani. Dark Portraits
Posted on
NINO MIGLIORI. Settanta
NINO MIGLIORI. Settanta
Posted on
ALBERTO MARTINI. La Danza Macabra
ALBERTO MARTINI. La Danza Macabra
Posted on
Previous
Next
ARTE PADOVA 2024. 34^ Mostra mercato d’arte moderna e contemporanea
AMART 2024. Antiquariato un piacere contemporaneo
Dino Ignani. Dark Portraits
NINO MIGLIORI. Settanta
ALBERTO MARTINI. La Danza Macabra

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.