RITRATTO DI DONNA. Il sogno degli anni Venti e lo sguardo di Ubaldo Oppi

Dal 6 dicembre 2019 si potranno ammirare nella Basilica oltre 120 le opere di grandi autori

RITRATTO DI DONNA. Il sogno degli anni Venti e lo sguardo di Ubaldo Oppi

VICENZA – Basilica Palladiana
Piazza dei Signori Vicenza
Dal 6 dicembre 2019 al 13 aprile 2020

 

Ubaldo Oppi, Le amiche (1924), Collezione privata (courtesy Galleria dello Scudo Verona)
Ubaldo Oppi, Le amiche (1924), Collezione privata (courtesy Galleria dello Scudo Verona)

 

La Basilica palladiana è l’edificio simbolo di Vicenza.

Rinomata per il loggiato a serliane, progettato dal grande architetto Andrea Palladio, che circonda il medievale Palazzo della Ragione, è stata inserita dall’Unesco nella lista dei beni patrimonio dell’umanità nel 1994.

Dal 2012 la Basilica ospita raffinate esposizioni.

Dal 6 dicembre 2019 si potranno ammirare nella Basilica oltre 120 le opere di grandi autori come:

 

  • Oppi
  • Klimt
  • Van Dongen
  • Sironi
  • Casorati

 

RITRATTO DI DONNA: Il sogno degli anni Venti e lo sguardo di Ubaldo Oppi

Ci saranno anche i dipinti, disegni, sculture, abiti e gioielli rappresentativi degli anni Venti per la mostra.

Si tratta della prima di un articolato programma triennale di esposizioni.

Promosso e organizzato dal Comune in collaborazione con l’Accademia

Olimpica, il Palladio Museum e la Fondazione Teatro Comunale.

Nell’Europa da poco uscita dalla Prima guerra mondiale le donne cominciano a conquistare un proprio ruolo.

Sempre più autonome, seduttive e moderne.

I capelli si accorciano come la lunghezza delle gonne, mentre la loro influenza nella società e nella cultura si fa sempre più intensa.

Anche in Italia soffia un vento nuovo e di questa donna differente.

È così diversa dal modello anteguerra.

Ne offre un ritratto magnetico il pittore Ubaldo Oppi, cresciuto a Vicenza ma formatosi fra Vienna, Parigi, Venezia e Milano.

Ma Oppi non è il solo, perché la nuova donna appare nella pittura di Felice Casorati come di Mario Cavaglieri, di Mario Sironi come di Piero Marussig.

Assolutamente padrone del loro tempo, quelle figure escono anche dalla cronaca per rievocare un mito, quello di donne fatali e potenti come le amazzoni o di muse ritratte in una magica sospensione, eternate nei valori di un seducente classicismo.

 

ORARI Basilica

Dal 1° ottobre 2019 al 6 gennaio 2020

da martedì a domenica dalle 10.00 alle 15.00

 

 

INFO

TEL: +39 0444 222850

http://www.mostreinbasilica.it

 

Dallo splendore alle incertezze. 1910-1950 Storia di una collezione privata
Dallo splendore alle incertezze. 1910-1950 Storia di una collezione privata
Posted on
Fabio Di Lizio: “Sottosuolo” in mostra a L’Aquila
Fabio Di Lizio: “Sottosuolo” in mostra a L’Aquila
Posted on
Nel tempo
Nel tempo
Posted on
GAE AULENTI
GAE AULENTI
Posted on
UZBEKISTAN: l’Avanguardia nel deserto. La Forma e il Simbolo
UZBEKISTAN: l’Avanguardia nel deserto. La Forma e il Simbolo
Posted on
Previous
Next
Dallo splendore alle incertezze. 1910-1950 Storia di una collezione privata
Fabio Di Lizio: “Sottosuolo” in mostra a L’Aquila
Nel tempo
GAE AULENTI
UZBEKISTAN: l’Avanguardia nel deserto. La Forma e il Simbolo

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.