Piero Dorazio – la nuova pittura Opere 1963-1968

Controllare preventivamente esattezza dei dati su mostra, orari di apertura, di ultimo ingresso e condizioni di accesso in relazione alle vigenti normative ANTICOVID

- DATA INIZIO: 16/12/2022

- DATA FINE: 30/04/2023

- LUOGO: VERONA – Galleria dello Scudo

- INDIRIZZO: Via scudo di Francia, 2

- TEL: +39 045 590144

Piero Dorazio è stato uno dei massimi rappresentanti dell’astrattismo europeo.

Piero Dorazio – la nuova pittura Opere 1963-1968

 

 

Dal 1968, anno della fondazione, la Galleria dello Scudo si occupa di arte moderna e contemporanea italiana.

In collaborazione con enti pubblici ha organizzato importanti rassegne di carattere strettamente scientifico, che per il taglio inedito hanno suscitato viva attenzione di critica e di pubblico.

La Galleria dello Scudo gode di notevole prestigio internazionale e ha collaborato per mostre con istituzioni come la Tate Gallery di Londra, la Phillips Collection di Washington, il Metropolitan Museum e il Solomon R. Guggenheim Museum di New York, il Musée d’Orsay e il Musée d’Art Moderne de la Ville de Paris di Parigi.

Dal prossimo 16 dicembre, alla Galleria dello Scudo di Verona è in programma una mostra imperniata su una selezione di opere di Piero Dorazio eseguite tra il 1963 e il 1968.

Piero Dorazio (Roma, 1927 – Perugia, 2005) è stato uno dei massimi rappresentanti dell’astrattismo europeo, corrente artistica alla quale si avvicina a metà Novecento.

Le sue opere si caratterizzano per l’uso di linee, geometrie e colori; tutti elementi che diventeranno la sua cifra stilistica, grazie anche ad un attento studio e suddivisione degli spazi.

Dorazio trova una chiave di lettura dell’arte astratta, affermando che il quadro astratto non rappresenta altro che sé stesso, poiché costituito da elementi della visione: colore, spazio, materia, dimensioni e movimento concorrono a trasmettere sensazioni ed emozioni.

L’arte si sintetizza nella rappresentazione dell’irreale, che, però, è in grado di emozionare e trasmettere sensazioni vere.

Di conseguenza l’arte non figurativa è sempre astrazione poiché attraverso di essa è possibile creare delle immagini grazie agli elementi della visione.

La mostra Piero Dorazio – la nuova pittura – Opere 1963-1968 presenta opere nelle quali la struttura a trama reticolare dei lavori datati 1959-1963 cede il passo a un nuovo equilibrio compositivo.

Una ricerca che manifesta, dunque, una rinnovata libertà inventiva: sono gli anni della Pop Art e dei forti contrasti sociali che animano le giovani generazioni.

Dorazio riprende queste sollecitazioni e le rilancia in una pittura sentita come campo di tensioni e di invenzioni, pur in stretta correlazione sia con i riferimenti imprescindibili delle avanguardie storiche (il futurismo, innanzitutto, il suprematismo di Kazimir Malevič e il neoplasticismo di Piet Mondrian) sia con la produzione artistica e teorica del suo recente passato.

La mostra è realizzata con la supervisione scientifica di Francesco Tedeschi, autorevole storico dell’arte e curatore del Catalogo ragionato dell’artista promosso dall’Archivio Piero Dorazio e pubblicato da Skira, editore anche del volume che accompagna l’iniziativa.

L’esposizione, co-prodotta con i Musei Civici di Verona, organizzata in collaborazione con l’Archivio Piero Dorazio, è in programma a Verona oltre che nella sede di Galleria dello Scudo anche presso la Galleria d’Arte Moderna Achille Forti.

ORARIO APERTURA

  • lunedì > sabato 10.00 – 13.00 / 15.30 – 19.30

INFO

Dallo splendore alle incertezze. 1910-1950 Storia di una collezione privata
Dallo splendore alle incertezze. 1910-1950 Storia di una collezione privata
Posted on
Fabio Di Lizio: “Sottosuolo” in mostra a L’Aquila
Fabio Di Lizio: “Sottosuolo” in mostra a L’Aquila
Posted on
Nel tempo
Nel tempo
Posted on
GAE AULENTI
GAE AULENTI
Posted on
UZBEKISTAN: l’Avanguardia nel deserto. La Forma e il Simbolo
UZBEKISTAN: l’Avanguardia nel deserto. La Forma e il Simbolo
Posted on
Previous
Next
Dallo splendore alle incertezze. 1910-1950 Storia di una collezione privata
Fabio Di Lizio: “Sottosuolo” in mostra a L’Aquila
Nel tempo
GAE AULENTI
UZBEKISTAN: l’Avanguardia nel deserto. La Forma e il Simbolo

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.