Esposizioni permanenti al Palazzo Querini Stampalia

Palazzo Querini Stampalia e le mostre permanenti

Esposizioni permanenti, collezioni e raccolte

 

VENEZIA – Palazzo Querini Stampalia
Campo Santa Maria Formosa, 5252, 30122 Venezia VE

Esposizione permanente delle raccolte d’arte della Cassa di Risparmio di Venezia ora di Banca Intesa.
Dal  21 novembre 2018

La Fondazione Querini Stampalia, una delle più prestigiose istituzioni culturali veneziane, nasce nel 1869 per volontà del Conte Giovanni, ultimo discendente dei Querini Stampalia, che lasciò in eredità il palazzo in Campo Santa Maria Formosa con tutti i suoi arredi e opere d’arte.
Palazzo Querini Stampalia è una struttura complessa e flessibile, dove sale antiche si affiancano a interventi di architettura contemporanea realizzati da Carlo Scarpa, Valeriano Pastor e Mario Botta, che offrono una  cornice stimolante e funzionale allo studio individuale, a iniziative culturali, a eventi speciali.
Oltre a conservare il Palazzo e l’intero patrimonio dell’antica e nobile famiglia veneziana, Museo che trasmette le atmosfere di una dimora patrizia del Settecento, la Fondazione ospita una Biblioteca, con funzione di biblioteca civica insulare del Comune di Venezia aperta fino a tarda sera e in tutti i giorni festivi, e si propone come luogo di produzione culturale, basata sullo studio del proprio patrimonio storico e museale e sulla riflessione attenta a cogliere le proposte più avanzate della contemporaneità mediante mostre temporanee e incontri di studio.

Ora l’offerta culturale della Fondazione cresce ancora: con il recupero, su progetto dell’architetto Michele de Lucchi, di alcuni ambienti al terzo piano del palazzo, prima destinati ad uffici, a partire dal 21 novembre 2018 e per almeno vent’anni  Palazzo Querini ospita in modo permanente la ricca collezione di opere d’arte e documenti storici di ambito veneziano dal XVI al XX secolo, raccolti dalla Cassa di Risparmio di Venezia e ora di proprietà di Banca Intesa. Si tratta di un importante patrimonio d’arte e di storia, dipinti, sculture, mobili, libri, monete offerti alla fruizione della collettività, secondo gli obiettivi del Progetto Cultura della Banca per la valorizzare le proprie collezioni.
Notevoli in particolare due dipinti di Canaletto, il grande bozzetto del Paradiso di Domenico Tintoretto e quello del Giudizio universale di Giambattista Tiepolo, oltre a opere di grandi maestri della scuola veneta fino a Caffi e Ciardi. Tra le sculture opere di Arturo Martini e Alberto Viani.
Nel settore archivistico bibliografico di particolare rilevanza un corpus di 454 manoscritti, bolle e leggi, oltre tremila libri, con l’editio del 1470 del De Civitate Dei per i tipi di Vindelino da Spira, un esemplare del Polifilo, datato 1499 e uscito dal torchio di Aldo il Vecchio, e oltre quattromila tra xilografie e incisioni. Tra queste opere di Coronelli, Ughi, Carlevarijs, Canaletto, Lovisa, Marieschi e un esemplare della grande pianta di Venezia di Jacopo de’ Barbari che, accanto a quello già posseduto dalla Fondazione Querini Stampalia, dà conto della monumentale impresa del de’ Barbari attraverso la comparazione delle due varianti.

Orari
Museo, Area Scarpa, Collezione Intesa Sanpaolo e Mostre
da martedì a domenica 10/18
lunedì chiuso

Biblioteca ed emeroteca
da martedì a sabato 10/24
domenica e festivi 10/19
lunedì chiuso

 

Pikasus

Dallo splendore alle incertezze. 1910-1950 Storia di una collezione privata
Dallo splendore alle incertezze. 1910-1950 Storia di una collezione privata
Posted on
Fabio Di Lizio: “Sottosuolo” in mostra a L’Aquila
Fabio Di Lizio: “Sottosuolo” in mostra a L’Aquila
Posted on
Nel tempo
Nel tempo
Posted on
GAE AULENTI
GAE AULENTI
Posted on
UZBEKISTAN: l’Avanguardia nel deserto. La Forma e il Simbolo
UZBEKISTAN: l’Avanguardia nel deserto. La Forma e il Simbolo
Posted on
Previous
Next
Dallo splendore alle incertezze. 1910-1950 Storia di una collezione privata
Fabio Di Lizio: “Sottosuolo” in mostra a L’Aquila
Nel tempo
GAE AULENTI
UZBEKISTAN: l’Avanguardia nel deserto. La Forma e il Simbolo

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.