Il dinamismo futurista di Ivanhoe Gambini

a cura di Maurizio Scudiero

- DATA INIZIO: 11/11/2023

- DATA FINE: 27/01/2024

- LUOGO: LeoGalleries

- INDIRIZZO: via De Gradi 10, Monza

- TEL: +39 0395960835

La rivoluzione del futurismo: Ivanhoe Gambini alla LeoGalleries

Scopri il futurismo di Ivanhoe Gambini a LeoGalleries. Opere che incarnano lo spirito futurista. Arte che non può essere separata dalla vita

 

Scopri il futurismo di Ivanhoe Gambini a LeoGalleries. Opere che incarnano lo spirito futurista. Arte che non può essere separata dalla vita
Nuotatrice 1930 tecnica mista su carta cm 30×20

 

Con grande entusiasmo, LeoGalleries accoglie l’artista futurista, grafico e architetto Ivanhoe Gambini. Nato a Busto Arsizio nel 1904, Gambini è l’emblema del futurismo, un movimento artistico in cui “l’arte non può essere separata dalla vita”, secondo le parole di Marinetti.

La mostra “Il dinamismo futurista di Ivanhoe Gambini“, curata da Maurizio Scudiero, presenta una serie di opere che incarnano lo spirito futurista. Come sottolinea il curatore, “Gambini è noto per le sue linee essenziali, i volumi definiti e i colori brillanti. Le sue bozze rivelano una certa fluidità, dato che fu uno dei primi artisti italiani ad adottare la tecnica dell’aerografo“.

L’esposizione offre l’opportunità di ammirare vari progetti pubblicitari realizzati da Gambini negli anni ’30. Questi includono copertine di libri (Filmindustria, la Patente automobilistica) e riviste, come la sua collaborazione con la rivista del Club Alpino Italiano, oltre alle illustrazioni create per riviste nautiche, di architettura e naturalistiche. Il suo contributo al futurismo si riflette anche nelle sue opere di aeropittura, che sono parte integrante della mostra.

Tra le opere esposte, spiccano pezzi iconici come l’idrovolante rosso che celebra il record di velocità stabilito da Francesco Agnello nel 1934 sul Lago di Garda. Altre opere degne di nota includono “Ancillotto“, che raffigura un attacco aereo su Draken durante la Prima Guerra Mondiale, e il famoso “Quota 3000” del 1933. La mostra presenta anche una serie di ceramiche che evidenziano la versatilità di Gambini e l’influenza del futurismo in vari aspetti della vita.

Gambini, che era rimasto nascosto al pubblico per decenni, è stato rivalutato a metà degli anni ’80 quando la contessa Maria Fede Caproni e lo stesso Scudiero lo coinvolsero in nuove mostre futuriste dopo cinquant’anni. Gambini è scomparso a Busto Arsizio nel 1992.

  • Spazio espositivo: LeoGalleries, via De Gradi 10, Monza
  • Periodo: dall’11 novembre 2023 al 27 gennaio 2024
  • Orari di apertura:  mar-sab 10:00/13:00 – 15.00/19.00

Leogalleries – via de Gradi 10 I-20900 Monza

ARTE PADOVA 2024. 34^ Mostra mercato d’arte moderna e contemporanea
ARTE PADOVA 2024. 34^ Mostra mercato d’arte moderna e contemporanea
Posted on
AMART  2024.  Antiquariato un piacere contemporaneo
AMART 2024. Antiquariato un piacere contemporaneo
Posted on
Dino Ignani. Dark Portraits
Dino Ignani. Dark Portraits
Posted on
NINO MIGLIORI. Settanta
NINO MIGLIORI. Settanta
Posted on
ALBERTO MARTINI. La Danza Macabra
ALBERTO MARTINI. La Danza Macabra
Posted on
Previous
Next
ARTE PADOVA 2024. 34^ Mostra mercato d’arte moderna e contemporanea
AMART 2024. Antiquariato un piacere contemporaneo
Dino Ignani. Dark Portraits
NINO MIGLIORI. Settanta
ALBERTO MARTINI. La Danza Macabra

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.