AMBRA CASTAGNETTI | APHROS

Controllare preventivamente esattezza dei dati su mostra, orari e condizioni d’ingresso nel sito. NB obbligo Green Pass per accedere agli spazi espositivi chiusi

- DATA INIZIO: 23/10/2021

- DATA FINE: 30/11/2021

- LUOGO: ROMA– Galerie Rolando Anselmi

- INDIRIZZO: Via Tor Fiorenza 20- 24

Ambra Castagnetti è un’antropologa che ha scelto di dedicarsi all’arte per rappresentare e riflettere sulle relazioni che tutti gli esseri viventi stabiliscono con la vita.

AMBRA CASTAGNETTI | APHROS

 

 

Rolando Anselmi ha fondato la sua galleria a Berlino nel 2013 e attualmente rappresenta diversi artisti internazionali.

La nuova sede di Roma è stata aperta nel 2020, concepita come uno spazio dinamico e vivace per pratiche progressive, sperimentazione e discorso critico.

Dal 23 ottobre i nuovi spazi della galleria a Roma presentano APHROS, la prima mostra personale di Ambra Castagnetti.

Nata a Genova nel 1993 la giovane Ambra vive e lavora a Milano dove sviluppa la sua ricerca artistica dopo una laurea in Antropologia e una in Arti Visive alla Nuova Accademia Belle Arti / NABA di Milano.

La pratica di Ambra Castagnetti si sviluppa attraverso la pittura, la scultura e il video e mira a rappresentare la vita quotidiana, le emozioni e le diverse apparenze della realtà, riflettendo le varie relazioni che gli esseri naturali, animali e umani stabiliscono con la vita.

Le opere in mostra condividono l’idea di un movimento continuo della materia, che delinea la prima ed embrionale mutazione dei corpi e le trasformazioni provocate dalle pratiche sociali e dagli spazi quotidiani.

Aphros, un essere marino che personifica la schiuma, dà il nome alla mostra, dove la materia è in continuo mutamento, somigliando al flusso informe delle onde.

Al centro dello spazio della galleria si trova la Tauromachia, un bronzo a forma di testa di toro che rivisita l’antica tradizione funeraria.

Adottando lo stesso processo di stratificazione della materia sulla forma originale, l’artista esplora nuovi modi di plasmare la realtà e reiterare la memoria.

Sulle pareti cinque pannelli in ceramica, Cheree Cheree, mostrano figure simili a serpenti che si snodano nello spazio per creare una composizione in cui rilievo, immagine e materia si fondono, dando vita a una sorta di sotterraneo torbido in continuo flusso.

La Serie Serpentine, invece, contraddice l’idea di libertà finora espressa dalla materia, attraverso le costrizioni imposte alla ceramica da corde, catene e cinture.

ORARI DI APERTURA

  • martedì > sabato 11.00 – 19.00

INFO

Dallo splendore alle incertezze. 1910-1950 Storia di una collezione privata
Dallo splendore alle incertezze. 1910-1950 Storia di una collezione privata
Posted on
Fabio Di Lizio: “Sottosuolo” in mostra a L’Aquila
Fabio Di Lizio: “Sottosuolo” in mostra a L’Aquila
Posted on
Nel tempo
Nel tempo
Posted on
GAE AULENTI
GAE AULENTI
Posted on
UZBEKISTAN: l’Avanguardia nel deserto. La Forma e il Simbolo
UZBEKISTAN: l’Avanguardia nel deserto. La Forma e il Simbolo
Posted on
Previous
Next
Dallo splendore alle incertezze. 1910-1950 Storia di una collezione privata
Fabio Di Lizio: “Sottosuolo” in mostra a L’Aquila
Nel tempo
GAE AULENTI
UZBEKISTAN: l’Avanguardia nel deserto. La Forma e il Simbolo

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.