Alfredo Pirri: Di Luce E Di Fango

Controllare preventivamente esattezza dei dati su mostra, orari di apertura, di ultimo ingresso e condizioni di accesso in relazione alle vigenti normative ANTICOVID

- DATA INIZIO: 04/05/2022

- DATA FINE: 30/06/2022

- LUOGO: ROMA – Z20 Gallery e Z20 Project

- INDIRIZZO: Via delle Vetrine 21 e Via Baccio Pontelli 16

- TEL: +39 06 70452261

In una mostra, articolata sulle due sedi della galleria romana Z20 Sara Zanin, Alfredo Pirri rappresenta un mondo in cui la levitazione della luce e la materialità del fango si incontrano.

Alfredo Pirri: Di Luce E Di Fango

 

 

In contemporanea negli spazi di Z20 gallery in via delle vetrine 21 e Z20 Project in via Baccio Pontelli 16, la galleria romana Z20 Sara Zanin presenta dal 4 maggio 2022 la mostra Alfredo Pirri. Di luce e di fango curata da Cecilia Canziani e Davide Ferri.

Luce e fango non rimandano solamente a due materie – l’una aerea, l’altra vischiosa – ma anche a luoghi specifici: la parete e la verticale come spazio della pittura, il pavimento come luogo della scultura a cui corrispondono le trame dello sguardo dentro l’immagine e nello spazio.

Per Alfredo Pirri la luce è sempre un materiale capace, come il suono, di dilatarsi e di costruire lo spazio.

La mostra occupa entrambi gli spazi espositivi della galleria z2o articolandosi in maniera speculare rispetto a questi termini attraverso movimenti che hanno a che fare con il respiro e l’espansione, l’inabissamento e la levitazione.

In via della Vetrina viene accolta una installazione inedita in cui le grandi carte incise e dipinte attraverso un processo di immersione nel colore, immagini cosmiche o mappe sonore, sono incastonate in una partitura di legno che a volte appare come pura struttura, a volte come spazio portato del quadro.

L’idea di autonomia di luogo propria di queste opere in bilico tra pittura, scultura, architettura, si complica e riafferma attraverso una ulteriore stratificazione di pannelli di plexiglass che si appoggiano a porzioni di quadri, facendo della sala principale della galleria uno spazio concettuale.

Nella sede di via Baccio Pontelli la mostra si snoda attorno a “Compagni e angeli” del 2019, una installazione di pannelli di plexiglass dalla forma centripeta, che abolisce le differenze tra dentro e fuori, e può potenzialmente espandersi in un qui e ora dell’esperienza dello spettatore.

Attorno questa architettura si dispongono ancora le carte del 1985, contrappunto tra luce e buio e trait d’union tra le due sedi, una serie di carte dipinte con metalli del 2013, e infine i disegni preparatori per l’ultima presentazione di Passi nel cortile del Chiostro del Bramante a Roma.

ORARI DI APERTURA

  • Galleria
  • Lunedì > sabato 13.00 – 19.00
  • Project
  • solo su appuntamento

INFO

 

 

Dallo splendore alle incertezze. 1910-1950 Storia di una collezione privata
Dallo splendore alle incertezze. 1910-1950 Storia di una collezione privata
Posted on
Fabio Di Lizio: “Sottosuolo” in mostra a L’Aquila
Fabio Di Lizio: “Sottosuolo” in mostra a L’Aquila
Posted on
Nel tempo
Nel tempo
Posted on
GAE AULENTI
GAE AULENTI
Posted on
UZBEKISTAN: l’Avanguardia nel deserto. La Forma e il Simbolo
UZBEKISTAN: l’Avanguardia nel deserto. La Forma e il Simbolo
Posted on
Previous
Next
Dallo splendore alle incertezze. 1910-1950 Storia di una collezione privata
Fabio Di Lizio: “Sottosuolo” in mostra a L’Aquila
Nel tempo
GAE AULENTI
UZBEKISTAN: l’Avanguardia nel deserto. La Forma e il Simbolo

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.