Pikasus Logo

Venezia 1860-2019. Fotografie dall’Archivio Graziano Arici

Inizio - 05/12/2020

Luogo - VENEZIA – Fondazione Querini Stampalia

Indirizzo - Campo Santa Maria Formosa, 5252

Dall’archivio fotografico di Graziano Arici La Fondazione Querini Stampalia mostra i cambiamenti di Venezia attraverso fotografie, lastre, stereoscopie e stampe digitali

Venezia 1860-2019. Fotografie dall’Archivio Graziano Arici

 

La Fondazione Querini Stampalia nasce dalla volontà testamentaria dell’ultimo discendente della nobile famiglia veneziana.

L’’intero patrimonio familiare fu donato infatti nel 1868 al comune con lo scopo di creare un’istituzione che promuova “il culto dei buoni studi”.

Una particolarità del testamento impegna la Fondazione a restare aperta il più possibile, ma in particolar modo quando le altre realtà culturali cittadine sono chiuse.

In effetti dal martedì a sabato la ricca biblioteca è aperta al pubblico fino alle ore 24.00.

Tra le sue preziose collezioni la Fondazione possiede dal 2017 il ricco fondo fotografico donato da Graziano Arici (fotografo, nato a Venezia nel 1949, oggi residente in Francia ad Arles)

Si tratta di un archivio fotografico unico, sia per il numero delle immagini che per la storia della sua costituzione.

L’archivio conta oltre 1.500.000 di elementi, somma delle fotografie di Graziano Arici e delle sue acquisizioni da collezionista con immagini che vanno dal 1856 ai giorni nostri.

La vasta produzione del fotografo, iniziata nel 1979 (reportage, ricerche varie su Venezia e sul mondo della cultura, opere personali), si associa infatti a diverse collezioni fotografiche acquisite nel tempo (Venezia, dall’Ottocento al Novecento; ritratti di artisti tra il 1945 e il 1970 e altro).

La mostra Le trasformazioni di Venezia: Graziano Arici alla Fondazione Querini Stampalia intende essere un ringraziamento ad Arici con la valorizzazione del patrimonio rappresentato dal suo archivio.

Al tempo stesso la mostra permette di raccontare i cambiamenti di Venezia attraverso fotografie, lastre, stereoscopie e stampe digitali.

Da martedì a domenica dalle ore 10.00 alle ore 18.00

Telefono: +39 041 271 1411

Leave a Comment

Terry Evans: Stories of the American Prairies

Terry Evans, fotografa delle trasformazioni del Midwest americano, in mostra per i trent’anni dell’Harn Museum of Art. Terry Evans: Stories of the American Prairies     L’Harn Museum of Art dell’Università della Florida ha aperto i battenti 30 anni fa

Leggi Tutto »
Mario Merz, 8, 5, 3, 1985. Installation View. Dia Beacon, Riggio Galleries, Beacon, New York, 2020. The Rachofsky Collection. © 2020 Artists Rights Society (ARS), New York / SIAE, Rome. Photo: Bill Jacobson Studio, New York

MARIO MERZ Alla Dia Beacon di New York

A New York personale del maestro italiano dell’Arte Povera Mario Merz MARIO MERZ Alla Dia Beacon di New York     Dia: Beacon è la filiale del museo della Dia Art Foundation, che riunisce una collezione d’arte dagli anni ’60

Leggi Tutto »
Claire Tabouret - Self-Portrait as a Tired Gold Miner; Acrylic on panel; 61 x 46 x 3.8 cm; Photographer: Marten Elder. Courtesy of the artist and Perrotin

Claire Tabouret. Lockdown self-portraits

L’artista che esprime, con opere che la ritraggono, il senso di isolamento di questi tempi di Pandemia Claire Tabouret. Lockdown self-portraits     Emmanuel Perrotin ha fondato la sua prima galleria nel 1990 all’età di ventuno anni. Ha lavorato a

Leggi Tutto »
A detail from an Edmund de Waal installation.Credit...Mike Bruce/Gagosian Gallery

Edmund de Waal: cold mountain clay

Un artista scrittore che unisce immagini e parole in opere ricche di fascino Edmund de Waal: cold mountain clay     Gagosian presenta Cold Mountain Clay, una mostra a Hong Kong di opere nuove e recenti di Edmund de Waal.

Leggi Tutto »