The Missing Planet

Visioni e revisioni dei "tempi sovietici" dalle collezioni del Centro Pecci ed altre raccolte

Fine - 03/05/2020

Luogo - PRATO – Centro per l’arte contemporanea Luigi Pecci

Indirizzo - Viale della Repubblica 277

Uno sguardo sullo stato dell’arte e della ricerca artistica nelle ex repubbliche sovietiche a trent’anni dalla caduta del muro di Berlino

The Missing Planet

 

Il Centro per l’arte contemporanea Luigi Pecci di Prato è la prima istituzione italiana progettata da zero e aperta nel 1988. 

L’obiettivo dei fondatori è stato quello di presentare, collezionare, documentare e supportare le ricerche artistiche di arti visive e performative, cinema, musica, architettura, design, moda e letteratura 

Dopo la caduta del muro di Berlino il Centro Pecci dedicò, tempestivamente e pionieristicamente,  una mostra alla scena artistica non-ufficiale sovietica, sull’onda della Perestrojka.  

Nella primavera del 1990,  la mostra Artisti Russi Contemporanei, testimoniò l’euforia del momento  ma anche la nascita di un sentimento di timore verso il futuro. 

A quella prima mostra, il Centro Pecci ne fece seguire un’altra Progressive Nostalgia, che testimoniò la disillusione del mondo post-sovietico . 

In essa si evidenziavano i limiti di un incerto e contraddittorio processo di transizione e integrazione in Occidente,. 

La crisi del capitalismo finanziario, lo smantellamento dei diritti sociali e la svolta autoritaria del liberismo, hanno rimesso in  discussione l’ottimismo iniziale, registrando lo sconforto di fronte al fallimento del presente. 

The Missing Planet si propone oggi , fino al 3 maggio 2020, come attuale e ultimo capitolo dell’ideale trilogia post-sovietica al Centro Pecci . 

Sono presenti opere della collezione del Centro Pecci  assieme con altre provenienti da importanti collezioni e istituzioni italiane e internazionali. 

L’obiettivo è comporre una ‘galassia’ delle principali ricerche artistiche sviluppate nelle ex repubbliche sovietiche tra gli anni Settanta e oggi. 

ORARI

Martedì – mercoledì – giovedì – sabato – domenica dalle ore 10.00 alle ore 20.00
Venerdì dalle ore 10.00 alle ore 23.00
Chiuso il lunedì

Telefono: 05745317

Leave a Comment

Martin Schoeller Death Row Exonerees

I grandi ritratti di Martin Schoellere mostrano uomini e donne costrette a condizioni carcerarie inaccettabili. Martin Schoeller Death Row Exonerees Fotografiskaè la più importante galleria per artisti fotografi della Svezia, Fiondata nel 2010 la Galleria ha aperto poi una sede

Leggi Tutto »

COOPER & GORFER: Between These Folded Walls, Utopia

Scatti che offrono immagini di grande bellezza ma anche stimolano alla riflessione sulla condizione della donna. COOPER & GORFER: Between These Folded Walls, Utopia Fotografiska è una galleria svedese dedicata all’arte fotografica. E’ stata inaugurata nel 2010 a Stoccolma, in

Leggi Tutto »

STEVE McCURRY. Icons

In mostra a Cagliari Steve McCurry è uno dei più grandi maestri della fotografia contemporanea. STEVE McCURRY. Icons Steve McCurry è uno dei più grandi maestri della fotografia contemporanea ed è un punto di riferimento per un larghissimo pubblico che

Leggi Tutto »

KAKEMONO

L’arte giapponese dei Kakemono in mostra a Lugano;: la più estesa esposizione mai dedicata all’arte giapponese. KAKEMONO Il Museo delle Culture di Lugano, MUSEC, nella sua rinnovata sede di Villa Malpensata, propone un approfondimento sull’arte orientale . Questo tema, dopo

Leggi Tutto »