SGUARDI DI NOVECENTO: Giacomelli e il suo tempo

Fine - 27/09/2020

Luogo - SENIGALLIA – Palazzo del Duca

Indirizzo - Piazza del Duca, 1 Senigallia (Ancona)

Riparte la cultura nelle Marche con la riapertura della mostra dedicata a uno dei grandi fotografi del Novecento, Mario Giacomelli

SGUARDI DI NOVECENTO: Giacomelli e il suo tempo

 

 

Palazzo del Duca a Senigallia è uno degli edifici storici più rappresentativi della città di Senigallia, nelle Marche.  Costruito  alla metà del 500  dalla famiglia della Rovere.

Il palazzo fu ideato  in particolare per ospitare , come dimora di rappresentanza, uomini della corte  e i suoi ospiti illustri, che dalle finestre potevano ammirare le parate militari che si svolgevano nella piazza.

Il Palazzo ospita anche importanti mostre temporanee.

Tra queste la mostra Sguardi del Novecento: Giacomelli e il suo tempo aperta per pochi giorni il 20 febbraio e poi chiusa causa Coronavirus.

Ora dal 20 maggio riapre prorogata al 27 settembre.

La mostra presenta ospiterà 20 fotografie di Giacomelli a confronto con circa 90 scatti di grandi fotografi della metà del Ventesimo secolo.

Tra questi artisti di valore come Robert Doisneau, Gianni Berengo Gardin, Brassaï,

Henri Cartier-Bresson, Kikuji Kawada, Jacques Henri Lartigue, Herbert List, Nino

Migliori, Paolo Monti, Leo Matiz, Ara Güler

Mario Giacomelli nasce a Senigallia nel 1925, il lavoro in tipografia, iniziato da

giovanissimo, influenzerà tutto il suo lavoro di fotografo.

Infatti la dimestichezza acquisita in fase di stampa assume un ruolo primario nella sua

Produzione: i segni che rintraccia nelle sue fotografie vengono accentuati in camera

oscura.

I suoi lavori sono ricchi di contrasti esasperati, bianchi e neri portati agli estremi, su

alcune stampe si riescono a notare delle maschere tanto sperimentali quanto

artigianali, effettuate in fase di stampa ponendo le mani tra la luce dell’ingranditore e la

carta fotografica.

La notorietà gli arriva nel 1964 allorchè il capo dipartimento fotografia del MoMA di

New York  inserisce il suo scatto Il basmbino di Scanno  nella prestigiosa   rassegna al

MoMA The photographer’s eye.

La sua carriera  si divide tra paesaggio e reportage, in una visione personalissima che

non è classificabile in alcuna corrente fotografica.

In contemporanea a palazzetto al vicino palazzetto Baviera è visitabile la mostra del

gruppo Misa.

 

ORARI
Fino all’8 giugno
da mercoledì a venerdì: 15-20;
sabato e domenica, festivi e prefestivi 10-13 / 15-20.
Dal 9 giugno
tutti i giorni dalle 17 alle 23;
lunedì chiuso

INFO
circuitomuseale@comune.senigallia.an.it
https://www.regione.marche.it/News-ed-Eventi/Post/57035/Riapre-il-20-maggio-la-mostra-Sguardi-di-Novecento-Giacomelli-e-il-suo-tempo-a-Senigallia-Prorogata-la-data-di-chiusura-al-27-settembre

Leave a Comment

XXXVI ANTIQUARIA PADOVA

Con proposte che vanno dal mini forziere del ‘500 , all’isola di san Giorgio di De Chirico, al bozzetto di Campigli per gli affreschi alla sede universitaria del Liviano di Padova, Antiquaria 2020 ritorna alla grande,  solo ritardata da marzo

Leggi Tutto »

ALPI di Paolo Pellegrin

L’Istituto Italiano di Cultura di Parigi promuove le alpi italiane con una mostra di Paolo Pellegrin ALPI di Paolo Pellegrin Gli 83 Istituti Italiani di Cultura (IIC) nel mondo sono un luogo di incontro e di dialogo per intellettuali e

Leggi Tutto »

Maurizio Gabbana: Dynamiche infinite

Il fotografo delle città e delle architetture che rappresenta le principali città del mondo. Maurizio Gabbana: Dynamiche infinite Dal 1923, Triennale Milano è un’istituzione internazionale che organizza mostre ed eventi su design, architettura, arti visive e teatro. Il Museo del

Leggi Tutto »

BRITISH ART 1930-NOW

Una mostra che aiuta a scoprire i movimenti che hanno definito un secolo di arte britannica BRITISH ART 1930-NOW Il percorso di questa mostra   inizia con opere surrealiste e le risposte alla seconda guerra mondiale, tra cui i tre studi

Leggi Tutto »

HOW ART BECAME ACTIVE

Una mostra che vuol mostrare come dagli anni Sessanta l’arte  ha assunto un ruolo più attivo nella società. HOW ART BECAME ACTIVE La Tate Modern ha dedicato un suo nuovo edificio, la Switch House, a Len Blavatnik, l’oligarca dei due

Leggi Tutto »