PROSPETTIVE

Angelo Tabaro

Angelo Tabaro

Stati Generali della Cultura – Il Sole 24 ore – Torino 5 luglio 2022

Una riflessione sullo sviluppo dell’industria culturale in Italia

Stati Generali della Cultura – Il Sole 24 ore – Torino 5 luglio 2022

Stati Generali della Cultura

Si sono tenuti a Torino presso il museo del Risorgimento una nuova edizione degli Stati Generali della Cultura, promossi da Il Sole 24 ore per riflettere sullo sviluppo dell’industria culturale in Italia.

In una giornata di intensi lavori relatori diversi, rappresentanti imprenditori, amministratori pubblici e privati, intellettuali hanno proposto discussioni che vanno dal ruolo dei privati nell’economia della cultura e il loro rapporto con le istituzioni pubbliche, al sostegno che le imprese possono offrire a una cultura diffusa e accessibile.

L’incontro ha assunto un significato particolare perché veniva dopo due anni di stop forzato e dopo le conseguenze su tutto il sistema culturale lasciate dalla pandemia di Covid 19.

Il 5 luglio a Torino una sessione dei lavori ha parlato dei nuovi mestieri dell’editoria e della sempre più veloce trasformazione del mercato audiovisivo.

Il tempo dedicato ai musei italiani tra conservazione e innovatività sì è soffermato in particolare sulle strategie che spazi di conservazione come i musei stanno definendo per vincere le sfide del futuro.

Interessante è stata poi la presenza e le testimonianze dei sindaci di Brescia e Bergamo e di assessori alla cultura sull’importanza del riconoscimento di capitale della cultura e sulla visione delle città come centri di innovazione e produzione culturale.

Un po’ tutti hanno avuto occasione di volgere uno sguardo ampio sulle opportunità che il nostro ricco patrimonio, fatto di beni e intelligenze diffusi, offre allo sviluppo socio-economico del paese e all’affermazione del “brand” Italia nel mondo.

Per cogliere la ricchezza dei temi affrontati e l’importanza degli Stati Generali della Cultura di Torino, anche se promossi e organizzati da un soggetto privato come Il Sole 24 Ore, è sufficiente scorrere i titoli delle principali sessioni di lavoro:

  • Industry privata e istituzioni pubbliche: come riparte l’Italia della cultura?
  • Il ruolo dei privati nell’economia della cultura
  • Il nuovo mondo dell’editoria, le trasformazioni del mercato audiovisivo: leggere i mestieri del futuro
  • Le Capitali della Cultura: le legacy del domani
  • Tra pubblico e privato: lo stato dell’industria culturale italiana
  • Arte e media: le voci della cultura
  • I musei italiani tra conservazione e innovatività: le radici del futuro
  • Cultura urbana: le Città come centri di innovazione
  • Il patrimonio del Mezzogiorno e la costruzione del “brand” Italia nel mondo
  • Le nuove frontiere della cultura: tra arte e nuove tecnologie
  • Live events: riaccendere la cultura
  • Luci sul palco: la voce degli artisti

Con la certezza che il Sole 24 Ore ha raccolto e pubblicherà i contributi di tutti i relatori, restiamo in attesa della pubblicazione contenente gli atti della giornata che si auspica arrivi quanto prima anche in formato digitale.

Considerata la ristrettezza dei tempi, gli Stati Generali hanno segnato a grandi linee gli aspetti più evidenti dello stato della Cultura nel nostro Paese e i possibili percorsi futuri.

In realtà ciascuno dei punti in cui si sono articolati i lavori merita un approfondimento specifico e analisi ancora più approfondite per sviscerare i diversi problemi e ricercare soluzioni migliori che siano fattibili in termini di tempi e di procedure.

Ogni anno gli Stati Generali della Cultura promossi da Il Sole 24 Ore, offrono quindi a quanti sono interessati e responsabili della Cultura per specifici ambiti e ad ogni livello, un sommario di argomenti su cui sono invitati a fare gli approfondimenti necessari per orientare la propria attività pubblica o privata necessaria a costruire il patrimonio culturale del futuro.

Di Angelo Tabaro

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.