Premio Graziadei per la Fotografia: Nicola Di Giorgio, Rachele Maistrello

controllare preventivamente nel sito esattezza dei dati relativi a mostra, orari e condizioni di accesso con attenzione alle disposizioni a prevenzione della pandemia da Covid 19

Una mostra che propone i progetti fotografici dei vincitori della VII e dell’VIII edizione del Premio Graziadei per la fotografia.

Premio Graziadei per la Fotografia: Nicola Di Giorgio, Rachele Maistrello

 

 

Il MAXXI/Museo nazionale delle arti del XXI secolo è la prima istituzione nazionale dedicata alla creatività contemporanea, inaugurato ufficialmente il 28 maggio 2010.

Sede del MAXXI è la grande opera architettonica, dalle forme innovative e spettacolari, progettata da Zaha Hadid nel quartiere Flaminio di Roma.

Organizzato in quattro dipartimenti, Architettura, Arte, Ricerca Educazione Formazione, Sviluppo propone eventi espositivi temporanei sempre di grande rilevanza.

Dal 15 giugno il MAXXI propone, presso il centro Archivi Architettura, Premio Graziadei per la Fotografia: Nicola Di Giorgio, Rachele Maistrello, una mostra che presenta i progetti fotografici Calcestruzzo di Nicola di Giorgio e Blue Diamond di Rachele Maistrello, vincitori rispettivamente della VIII e della VII edizione del Premio Graziadei.

Il Premio Graziadei per la Fotografia nasce nel 2012 dall’iniziativa di Graziadei Studio Legale con il duplice obiettivo di promuovere il lavoro di giovani autori e di sostenerlo nel tempo e ai vincitori il MAXXI dedica una mostra, quale prima vetrina del loro lavoro.

I progetti di Nicola Di Giorgio e Rachele Maistrello, pur diversi nel metodo e negli esiti, trovano una continuità nell’interrogazione del linguaggio fotografico e della sua capacità di documentare.

I due giovani hanno sfruttato la cornice concettuale dell’archivio in quanto dispositivo di classificazione e di produzione di senso, per dare forma a progetti che rifuggono da narrazioni univoche, aprendo ampi spazi di interpretazione e riflessione critica.

Nicola Di Giorgio si concentra su un materiale artificiale, il calcestruzzo, a partire dal quale è possibile esplorare le tracce della presenza dell’uomo sul territorio.

Egli affronta un materiale che produce grandi contraddizioni.

Il calcestruzzo, infatti, a volte prende forma nei capolavori dell’architettura contemporanea, altre invece deturpa l’ambiente nelle forme di speculazione edilizia.

La percezione del paesaggio fisico ed emotivo viene approfondita dall’artista grazie alla costruzione di una personale collezione di documenti e materiali d’archivio, legati dall’indagine fotografica dell’autore.

Rachele Maistrello crea un apparato poetico e visivo volto ad approfondire le possibilità di comunicazione tra umani e cetacei.

Nel suo lavoro Rachele è spinta a giocare con la liminarità tra vero e finto, archivio storico e fantascienza, attendibilità e ambiguità del linguaggio fotografico, offrendo questa volta la possibilità di entrare in contatto con fonti e materiali scientifici inediti.

DATA INIZIO: 15/06/2022

DATA FINE: 11/09/2022

LUOGO: ROMA - MAXXI

INDIRIZZO: Via Guido Reni, 4/a

TEL: +3906 3201954

ORARI DI APERTURA

  • martedì > venerdì 11.00 – 19.00
  • sabato e domenica 11.00 – 20.00
  • la biglietteria è aperta fino a un’ora prima della chiusura del Museo

INFO

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.