Milan, entusiasmo alle stelle

MILANO – Queste le dichiarzioni rilasciate nel corso della conferenza stampa che si è svolta oggi a Milano, presso l’Hotel Boscolo, dall’Amministratore Delegato rossonero Adriano Galliani, Zlatan Ibrahimovic e Robinho:

ADRIANO GALLIANI:
“Benvenuti a tutti. Oggi ci troviamo qui per la presentazione di Zlatan Ibrahimovic e di Robinho, gli ultimi due giocatori arrivati nella famiglia rossonera. Due arrivi che prima che dimostrino sul campo le loro grandi qualità tecniche, hanno già suscitato nella nostra tifoseria grande entusiasmo. Il loro arrivo è avvenuto negli ultimi due giorni del mercato estivo. La trattativa per Ibra è iniziata in occasione del Trofeo Gamper, il 25 Agosto, e si è conclusa il sabato sera. Quella per Robinho è avvenuta negli ultimi due giorni di mercato.  Da quel momento è tornato l’idillio tra società presidente e tifosi, che si era arrestato con la partenza di Kakà. Grazie a Ibra e Binho è tornato l’amore e si vede dalle lettere che riceviamo in sede e anche dalla campagna abbonamenti questa mattina ha passato il muro dei 45.000. Il record assoluto risale al 2003, con 52.500 Abbonamenti, anno in cui abbiamo poi vinto la Champions .
Questi giocatori arrivano da due nazioni importanti che hanno fatto la storia del Milan. Ad Ibra auguro di emulare le gesta del capocannoniere Nordhal che  vanta 268 partite e 221 gol, per cui che Zlatan ne possa realizzare 269 e 222 gol. A Robinho chiedo di continuare la tradizione dei brasiliani al Milan. Lui è il 18esimo brasiliano. Il Milan vinse la prima Champions nel 1963 con due gol di Altafini, un centroavanti brasiliano, per cui gli auguro di segnarne tre nella finale di un Coppa Campioni che spero di vincere il più presto possibile.”

LEGGI TUTTOMilan, entusiasmo alle stelle

Milan, entusiasmo alle stelle

MILANO – Queste le dichiarzioni rilasciate nel corso della conferenza stampa che si è svolta oggi a Milano, presso l’Hotel Boscolo, dall’Amministratore Delegato rossonero Adriano Galliani, Zlatan Ibrahimovic e Robinho:

ADRIANO GALLIANI:
“Benvenuti a tutti. Oggi ci troviamo qui per la presentazione di Zlatan Ibrahimovic e di Robinho, gli ultimi due giocatori arrivati nella famiglia rossonera. Due arrivi che prima che dimostrino sul campo le loro grandi qualità tecniche, hanno già suscitato nella nostra tifoseria grande entusiasmo. Il loro arrivo è avvenuto negli ultimi due giorni del mercato estivo. La trattativa per Ibra è iniziata in occasione del Trofeo Gamper, il 25 Agosto, e si è conclusa il sabato sera. Quella per Robinho è avvenuta negli ultimi due giorni di mercato.  Da quel momento è tornato l’idillio tra società presidente e tifosi, che si era arrestato con la partenza di Kakà. Grazie a Ibra e Binho è tornato l’amore e si vede dalle lettere che riceviamo in sede e anche dalla campagna abbonamenti questa mattina ha passato il muro dei 45.000. Il record assoluto risale al 2003, con 52.500 Abbonamenti, anno in cui abbiamo poi vinto la Champions .
Questi giocatori arrivano da due nazioni importanti che hanno fatto la storia del Milan. Ad Ibra auguro di emulare le gesta del capocannoniere Nordhal che  vanta 268 partite e 221 gol, per cui che Zlatan ne possa realizzare 269 e 222 gol. A Robinho chiedo di continuare la tradizione dei brasiliani al Milan. Lui è il 18esimo brasiliano. Il Milan vinse la prima Champions nel 1963 con due gol di Altafini, un centroavanti brasiliano, per cui gli auguro di segnarne tre nella finale di un Coppa Campioni che spero di vincere il più presto possibile.”

LEGGI TUTTOMilan, entusiasmo alle stelle

Mostra del Cinema, Controcampo Italiano: 20 sigarette è il film vincitore

La Giuria della sezione Controcampo Italiano, presieduta da Valerio Mastandrea e composta da Susanna Nicchiarelli e Dario Edoardo Viganò, ha assegnato con parere unanime il Premio Controcampo Italiano al film 20 sigarette (Italia, 94′) di Aureliano Amadei, interpretato da Vinicio Marchioni, Carolina Crescentini, Giorgio Colangeli, con la seguente motivazione: “La densità del racconto ha il ritmo di una verità che, oltre ogni pregiudizio, diviene personale storia in cui si intersecano, con intelligenza e non senza qualche venatura di ironia, gli elementi dell’esercizio di libertà. Libertà dal proprio vissuto per inseguire un sogno, libertà dai propri pregiudizi per incontrare le persone, libertà dal proprio dolore per non indurre lo spettatore a sguardi prestabiliti”.

LEGGI TUTTOMostra del Cinema, Controcampo Italiano: 20 sigarette è il film vincitore

Mostra del Cinema, Controcampo Italiano: 20 sigarette è il film vincitore

La Giuria della sezione Controcampo Italiano, presieduta da Valerio Mastandrea e composta da Susanna Nicchiarelli e Dario Edoardo Viganò, ha assegnato con parere unanime il Premio Controcampo Italiano al film 20 sigarette (Italia, 94′) di Aureliano Amadei, interpretato da Vinicio Marchioni, Carolina Crescentini, Giorgio Colangeli, con la seguente motivazione: “La densità del racconto ha il ritmo di una verità che, oltre ogni pregiudizio, diviene personale storia in cui si intersecano, con intelligenza e non senza qualche venatura di ironia, gli elementi dell’esercizio di libertà. Libertà dal proprio vissuto per inseguire un sogno, libertà dai propri pregiudizi per incontrare le persone, libertà dal proprio dolore per non indurre lo spettatore a sguardi prestabiliti”.

LEGGI TUTTOMostra del Cinema, Controcampo Italiano: 20 sigarette è il film vincitore

Bruciare il Corano? Un gesto a favore di al Qaida

Il rogo del Corano? Una strumentalizzazione, uno strumento che sarà usato da al Qaida come strumento di reclutamento. Questo quello che pensa il presidente americano Obama riguardo all’iniziativa paventata dal pastore della Florida Terry Jones di bruciare il Corano. In un’intervista all’Abc Obama definisce l’iniziativa del pastore ”un gesto distruttivo” e ”completamente contrario ai valori dell’America.

LEGGI TUTTOBruciare il Corano? Un gesto a favore di al Qaida

Bruciare il Corano? Un gesto a favore di al Qaida

Il rogo del Corano? Una strumentalizzazione, uno strumento che sarà usato da al Qaida come strumento di reclutamento. Questo quello che pensa il presidente americano Obama riguardo all’iniziativa paventata dal pastore della Florida Terry Jones di bruciare il Corano. In un’intervista all’Abc Obama definisce l’iniziativa del pastore ”un gesto distruttivo” e ”completamente contrario ai valori dell’America.

LEGGI TUTTOBruciare il Corano? Un gesto a favore di al Qaida