Migrating Objects. Arte dall’Africa, dall’Oceania e dalle Americhe nella Collezione Peggy Guggenheim

Inizio - 15/02/2020

Fine - 14/06/2020

Luogo - VENEZIA– Collezione Peggy Guggenheim

Indirizzo - Dorsoduro 701

Una raccolta nella Collezione di Peggy Guggenheim di opere e oggetti provenienti  da paesi di forti migrazioni , poco conoscituta, ora in mostra a Venezia

Migrating Objects. Arte dall’Africa dall’Oceania e dalle Americhe nella Collezione Peggy Guggenheim

 

Migrating Objects. Arte dall’africa, dall’oceania e dalle Americhe nella Collezione PEGGY GUGGENHEIM è una mostra che mette in luce un episodio meno conosciuto ma decisamente significativo del collezionismo di Peggy Guggenheim.  

Peggy Guggenheim  è passata alla storia per aver sfidato le convenzioni come collezionista e mecenate, e da sempre celebrata per la sua collezione d’arte moderna europea e americana. 

Il palazzo Venier dei Leoni sul Canal Grande che ospita la Collezione è già famoso per essere l’unico palazzo affacciato sul Canal grande incompleto, con la costruzione fermata a un solo piano.  

La fama della Collezione di Peggy ha reso lo ha anche reso il secondo spazio espositivo più visitato di Venezia dopo palazzo Ducale. 

La collezione di Peggy presenta tuttavia ancora delle opere particolari e poco ersposte. 

Nel corso degli anni ’50 e ’60  infatti Peggy inizia a guardare oltre i confini dell’Europa e degli Stati Uniti interessandosi all’arte dell’Africa, dell’Oceania e delle culture indigene delle Americhe.  

In occasione della mostra Migrating Objects 35 opere di arte non occidentale verranno esposte per la prima volta a Palazzo Venier dei Leoni rivelando un nucleo della collezione della mecenate raramente visibile al grande pubblico.  

Aspetto assolutamente inedito di questo originale percorso espositivo sarà la presentazione di questi oggetti in gruppi che privilegiano i contesti originari . 

Oppure, in alternativa, le opere sono  in dialogo con alcuni capolavori delle avanguardie europee in collezione di artisti che sostennero lo sviluppo del proprio linguaggio modernista attraverso l’appropriazione di queste opere.  

L’esposizione è il frutto di un lungo periodo di ricerche e confronti da parte di un team di studiosi su questi lavori per lungo tempo tralasciati negli studi sulla collezione di Peggy Guggenheim.  

Orari             
Tutti i giorni 10.00 – 18.00 
Martedì chiuso 

Telefono: 0412405411

Leave a Comment

Nel salotto del collezionista

Un percorso espositivo gratuito reso straordinario da capolavori di Francesco Hayez, Giuseppe Pellizza da Volpedo, Gaetano Previati, Giacomo Balla, Adolfo Wildt provenienti da prestigiose istituzioni museali della Lombardia UNA GRANDE MOSTRA SU ARTE E MECENATISMO LOMBARDO TRA 800 E 900

Leggi Tutto »
Time Machine – Vedere e sperimentare il Tempo

Time Machine – Vedere e sperimentare il Tempo

Cinema, video e videoinstallazioni proposte come vere e proprie “macchine del tempo”, secondo tre diverse accezioni: come media capaci di registrare, archiviare e ripresentare fenomeni visivi e audiovisivi  Time Machine – Vedere e sperimentare il Tempo     Nel 2020

Leggi Tutto »

Della materia spirituale dell’arte

MAXXI Museo nazionale delle arti del XXI secolo riunisce alcuni tra i più importanti protagonisti della scena artistica dei nostri tempi in una grande collettiva sul tema della materia spirituale dell’arte  Della materia spirituale dell’arte     Il MAXXI –

Leggi Tutto »

The Missing Planet

Uno sguardo sullo stato dell’arte e della ricerca artistica nelle ex repubbliche sovietiche a trent’anni dalla caduta del muro di Berlino The Missing Planet   Il Centro per l’arte contemporanea Luigi Pecci di Prato è la prima istituzione italiana progettata

Leggi Tutto »