MAX BILL – Bauhaus costellations

La mostra esplora i rapporti all’interno del gruppo di artisti che Max Bill ha incontrato a Dessau e lo sviluppo creativo del suo lavoro

MAX BILL – Bauhaus costellations

ZURIGO – Hauser & Wirth Gallery
Rämistrasse 5
Fino al 14 settembre 2019

 

Exhibition view: Group Exhibition, max bill bauhaus constellations, Hauser & Wirth, Zürich (9 June–14 September 2019). © Angela Thomas Schmid / 2019 ProLitteris, Zurich. Courtesy the Max Bill Georges Vantongerloo Stiftung and Hauser & Wirth.
Exhibition view: Group Exhibition, max bill bauhaus constellations, Hauser & Wirth, Zürich (9 June–14 September 2019). © Angela Thomas Schmid / 2019 ProLitteris, Zurich. Courtesy the Max Bill Georges Vantongerloo Stiftung and Hauser & Wirth.

 

La Mostra

In coincidenza con il centenario del Bauhaus, Hauser & Wirth presenta un’importante mostra intitolata “Max Bill. Costellazioni Bauhaus”.

La mostra esplora i rapporti all’interno del gruppo di artisti che Max Bill ha incontrato a Dessau e lo sviluppo creativo del suo lavoro, che alla fine ha portato alla creazione della scuola di design acclamata a livello internazionale,

La mostra si articola in due sezioni:

la prima presenta dipinti, disegni e sculture di Bill dagli anni 20 agli anni 70; la seconda una selezione di opere di artisti che Bill ha incontrato nella frequentazione della Bauhus.

 

 

Max Bill

Max Bill (Winterthur 1908 – Berlino 1994) studia inizialmente l’arte applicata di argentiere, ma viene affascinato dall’architettura moderna di Le Corbusier e di Konstantin Melnikov.

Scopre quindi la Bauhaus l’innovativa scuola fondata da Walter Gropius a Weimar nel 1925 chiusa dal governo tedesco dopo un anno ma che sarebbe stata aperta a Dessau nel 1926.

Fa domanda e viene accettato nell’aprile 1927 a 18 anni.

Qui Bill studiò sotto la guida dei maestri Josef Albers, László Moholy-Nagy, Paul Klee, Wassily Kandinsky e Oskar Schlemmer, ufficialmente fino al 1928.

 

I principi del Bauhaus

I principi del Bauhaus, tra cui un approccio moderno e scientifico al colore e alla forma costruttivista, con una visione di unità attraverso l’arte e il design, informerà il lavoro interdisciplinare di Bill per il resto della sua vita.

MAX BILL – Bauhaus costellations

 

Le opere di Max Bill

Le sue opere esprimono un coinvolgimento nella Cocrete art.

Questo movimento è ispirato dalla convinzione che la creazione dell’armonia visiva avviene attraverso la simmettria del colore e della forma.

Queste opere richiamano le forme essenziali del design Bauhaus – il triangolo, il cerchio e il quadrato – che caratterizzano prevalentemente la pratica di Bill.

 

ORARI
Da lunedì a venerdì ore 11.00 – 18.00
Sabato ore 11.00 – 17.00


INFO
http://www.hauserwirth.com/

Leave a Comment

Akira Zakamoto – Atelier Montez

In queste tele rivivono Gundam, Actarus, Devilman e Goldrake. Guerrieri ed eroi, eletti a giustizieri supremi nella pittura di immagini tutt’altro che sentimentali, quanto più evocative e significative Akira Zakamoto – Atelier Montez la mostra dell’artista Akira Zakamoto, che rimarrà

Leggi Tutto »
EQUIPE 48

EQUIPE 48

La soffitta dell’amico si trovava poi in un tratto di portico che ogni giorno percorrevamo con le nostre discussioni, quasi a metà del percorso EQUIPE 48     Ci trovavamo nella soffitta sopra il negozio e l’abitazione di uno degli

Leggi Tutto »
Antonio Verrio The Sea Triumph of Charles II c.1674 The Royal Collection Trust/© Her Majesty Queen Elizabeth II 2019

British Baroque Power and Illusion

Una grande mostra sul barocco britannico e sul ruolo dell’arte nella costruzione di una rinnovata visione della monarchia British Baroque Power and Illusion LONDRA –Tate Britain Millbank, Westminster, London SW1P 4RG Dal 4 febbraio al 19 aprile 2020    

Leggi Tutto »
Giuseppe De Nittis: Westminster, 1878. Olio su tela, cm 110 x 192. Courtesy Marco Bertoli

DE NITTIS e la rivoluzione dello sguardo

Uno speciale gemellaggio culturale tra Ferrara e Barletta con due grandi mostre parallele: Barletta ospita il ferrarese Boldini, Ferrara ospita il barlettano De Nittis DE NITTIS e la rivoluzione dello sguardo FERRARA – PALAZZO DEI DIAMANTI Corso Ercole I d’Este,

Leggi Tutto »
George Brecht Incidental Music 1961. Performed by Ken Friedman, Geoff Hendricks, Al Hansen, and Ben Vautier (left to right) at “Milano Poesia”, Ansaldo, Milan, 1989. Photo: F. Garghetti. Courtesy of Fondazione Bonotto. Copyright © Fabrizio Garghetti. All Rights Reserved.

Sense Sound/Sound Sense

Sense sound/sound sense , grande mostra di Fluxus, movimento radicale d’avanguardia, dalla collezione  dell’imprenditore e collezionista veneto Luigi Bonotto Sense Sound/Sound Sense LONDRA – Whitechapel Gallery Whitechapel High Street – London, E1 United Kingdom FINO AL 2 FEBBRAIO 2020  

Leggi Tutto »