Pikasus Logo

MARTIN BOYCE. NO LONGER FATHOM

controllare preventivamente nel sito esattezza dei dati relativi a mostra, orari e condizioni di accesso

Fine - 19/12/2020

Luogo - ZURIGO – galleria Eva Presenhuber

Indirizzo - Waldmannstrasse 6, CH-8001 Zurich

Le istallazioni di Martyn Boyce creano strane atmosfere di vita passata.

MARTIN BOYCE. NO LONGER FATHOM

 

 

La Galerie Eva Presenhuber presente No Longer Fathom, la quarta mostra personale della galleria con l’artista scozzese Martin Boyce.

Martin Boyce è nato nel 1967 a Hamilton e ha studiato alla Glasgow School of Art, laureandosi in arte ambientale nel 1990, poi un MFA nel 1997.

Vive e lavora a Glasgow

Boyce è uno scultore ispirato al modernismo dell’inizio del XX secolo.

Nel suo lavoro Boyce ha ricenuto il prestigioso Turner Prize 2011 per la sua installazione Do Words Have Voices, esposta al Baltic Center for Contemporary Art di Gateshead.

All’inizio, le installazioni di Martin Boyce appaiono spesso fresche e concettuali, piene di riferimenti al design, all’arte e all’architettura modernisti classici.

Poi però appare senso di caducità e abbandono che confesrisce un tocco romantico.

Pur ispirandosi alle forme chiare e geometriche di quel tempo, il suo lavoro ha anche un sottotono cupo e pensosamente poetico che fa presagire la fine di un’era.

Attraverso le sue sculture e i suoi disegni, l’artista allude alla natura, alla poesia e ai film noir come ombre che indugiano sulle opere stesse.

Per la sua mostra alla Galerie Eva Presenhuber, Boyce ha costruito tre sedie moderniste in acciaio e legno, con lo schienale regolabile in altezza.

Appoggiate a tre porte a muro, sospese appena sopra il pavimento, e poste direttamente sotto le maniglie delle porte, le sedie agiscono come barriere improvvisate che impediscono l’ingresso a chiunque.

In dialogo con questi ci sono quattro pannelli murali in alluminio verniciato nei colori bianco, giallo, rosso e verde su cui sono montati telefoni appositamente progettati.

Sembra di entrare in un mondo con reliquie di un’epoca diversa, quando i telefoni pubblici erano ancora in uso, ma i loro colori vivaci e la forma romboidale li fa anche sembrare una sorta di oracolo futuristico.

La presenza poi di altri strani oggetti trasmette un senso di silenzio, esclusione in una casa che un tempo era sinonimo di protezione, comunità e apertura.

ORARI DI APERTURA

  • Non rilevati

INFO

Leave a Comment

Geta Brătescu: Lady Oliver i rejseklæder, 1980-2012. Foto: Mihai Brătescu. © The Estate of Geta Brătescu Courtesy the Estate of Geta Brătescu, Ivan Gallery, Bucharest and Hauser & Wirth

GETA BRĂTESCU: Freedom of Forms

In mostra a Copenaghen la più interessante e rappresentativa esponente dell’arte concettuale in Romania GETA BRĂTESCU: Freedom of Forms     Kunstforeningen GL STRAND è una galleria d’arte moderna situata nel centro di Copenhagen. Presenta un programma annuale di 6-8 esposizioni temporanee, proiezioni cinematografiche ed eventi dal vivo in connessione con le mostre. Dal 29

Leggi Tutto »
blow ups, 2020 installation view, kaufmann repetto, milan

SADIE BENNING: Blow ups

L’artista che guarda allo storico film di Antonioni, Blow Up,per esprimere la sua visione di una realtà ove si percepisce una dominante ambiguità SADIE BENNING: Blow ups     La galleria Kaufmann Repetto propone nella sua sede di Milano una mostra personale dell’artista americana Sadie T. Benning ,(USA 1973) che vive e lavora a New

Leggi Tutto »

FILIP MARKIEWICZ – Road to Nowhere

La pessimistica visione del tempo presente nelle opere di di Markiewicz. FILIP MARKIEWICZ – Road to Nowhere     La galleria C + N Canepaneri di Milano ospita Road to Nowhere, la seconda mostra personale dell’artista lussemburghese di origine polacca Filip Markiewicz (1980). L’artista ha rappresentato il proprio paese nel padiglione Lussemburgo alla Biennale di

Leggi Tutto »

THE LINE OF SIGHT

Una mostra che immerge il visitatore in un confronto con una varietà notevole di occhi e di sguardi, che lo osservano portandolo alle sensazioni più diverse. THE LINE OF SIGHT     Fondata nel 2001 la galleria, che ha aggiunto al nome originale Artopiagallery il nome RitaUrso, si pone all’attenzione di pubblico e critica già

Leggi Tutto »

Cultura in movimento: Meran 1965 – 1990

Una mostra che documenta i risultati di una ricerca sugli sviluppi dell’arte e dell’architettura a Merano dal 1965 al 1990 Cultura in movimento: Meran 1965 – 1990     Kunst Meran /Merano Arte è un centro per l’arte e l’architettura contemporanea in Alto Adige (Italia). Dal 2001 l’istituzione ha sede nel centro di Merano, dove

Leggi Tutto »
Andreas Slominski

ANDREAS SLOMINSKI: Religiös musikalisch

Artista che nell’eredità dei readymade di Marcel Duchamp trsforma oggetti quotidiani attraverso la loro inclusione in un contesto artistico ANDREAS SLOMINSKI: Religiös musikalisch     La Galleria Thaddaeus Ropac ospita,dal 23 gennaio nella sede di Salisburgo, Religiös musikalisch mostra personale dell’artista tedesco nato nel 1959 a Meppen Andreas Slominski. L’artista vive e lavora ad Amburgo

Leggi Tutto »