LUISELLA TRAVERSI GUERRA. L’ideale della maestria

Controllare preventivamente esattezza dei dati su mostra, orari e condizioni d’ingresso nel sito. NB obbligo Super Green Pass e mascherinaFFP2 per accedere agli spazi espositivi

Una mostra sulla fase creativa più matura di Luisella Traversi Guerra con l’occhio rivolto alla natura, come luogo in cui l’uomo avverte la propria arcaica appartenenza alla terra.

LUISELLA TRAVERSI GUERRA. L’ideale della maestria

 

 

Dal 2 al 24 aprile 2022, il Museo della Permanente a Milano ospita la personale di Luisella Traversi Guerra, dal titolo L’ideale della maestria.

Nata a Piacenza nel 1944 Luisella Traversi Guerra è pittrice e scrittrice.

Dopo aver trascorso parte della sua infanzia a Parigi, torna in Italia per laurearsi.

Per anni si dedica allo sviluppo dell’azienda di famiglia, specializzandosi in analisi del comportamento e sviluppo della qualità nell’ambiente lavorativo.

Durante il suo tempo libero si dedica alla pittura che ben presto diventa per lei un modo per esprimere la sua ricerca interiore.

Si esprime attraverso immagini simboliche e sperimentando tecniche multistrato ad olio.

L’esposizione alla Permanente di Milano presenta oltre 40 opere che ripercorrono la fase creativa più matura dell’artista, caratterizzata da una cifra espressiva che ruota attorno alla Natura e a quel crogiuolo di forme, luci e colori che questa riesce continuamente a generare e rigenerare.

Da sempre al centro degli interessi di Luisella Traversi Guerra, la natura è il luogo in cui l’uomo avverte la propria arcaica appartenenza alla terra.

Muovendosi da suggestioni impressioniste, passando da Van Gogh all’amatissima Georgia O’Keeffe, il segno di Luisella Traversi Guerra attingendo anche alla grande tradizione naturalistica lombarda, quella di Ennio Morlotti ma anche di Piero Giunni e Ilario Rossi.

Nella sua evoluzione lentamente l’artista si allontana dal floreale e le tracce di figurativo scolorano progressivamente nell’astratto, in un afflato di spiritualità.

Contemporaneamente passa dalla pittura a olio alla tempera e infine all’acrilico.

Nelle sue opere da allora usa spesso un bastoncino di legno per dare l’effetto a mosaico, oppure trasparenze liquide e impalpabili, quasi spirituali.

Una vera scoperta è stata infine la spugna che le permette di stendere, rimuovere, mediare, e poi ancora agire fino al risultato ideale, per usare le sue parole.

DATA INIZIO: 02/04/2022

DATA FINE: 24/04/2022

LUOGO: MILANO – Museo della Permanente

INDIRIZZO: Via Turati 34

TEL: +39 026551445

ORARI DI APERTURA

  • lunedì > venerdì, 10.00-19.00
  • sabato e domenica, 11.00-19.00

INFO

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.