LUCIO FONTANA. ESTRUCTURA DE NEÓN PARA LA IX TRIENAL DE MILÁN

controllare preventivamente nel sito esattezza dei dati relativi a mostra, orari e condizioni di accesso

La grande struttura al neon realizzata da Lucio Fontana per lo scalone della Triennale di Milano per tre anni sarà a Bilbao.

LUCIO FONTANA. ESTRUCTURA DE NEÓN PARA LA IX TRIENAL DE MILÁN

 

© Fondazione Lucio Fontana, Bilbao, 2021 Vista de la instalación en el Museo Guggenheim Bilbao, 2021 Imagen © FMGB Guggenheim Bilbao Museoa, fotografía Erika Barahona Ede
© Fondazione Lucio Fontana, Bilbao, 2021
Vista de la instalación en el Museo Guggenheim Bilbao, 2021
Imagen © FMGB Guggenheim Bilbao Museoa, fotografía Erika Barahona Ede

 

Nel 1951, quando la Triennale di Milano, gli commissionò l’opera, Lucio Fontana si ispirò ad uno dei principi del manifesto spazialista “ Con le risorse della tecnica moderna ,faremo apparire nel cielo forme artificiali, arcobaleni di meraviglia, scritte luminose..”

Con questo pensiero il maestro dello spazialismo realizzava per lo scalone della Triennale una delle opere più rappresentative della sua creatività.

Si tratta di un’opera speciale, cento metri di tubi al neon contorti e caotici, nella quale egli esprime anche il suo rapporto speciale con gli architetti, che sentiva particolarmente vicini alla sua sensibilità spaziale.

Ora grazie alla collaborazione tra la Fondazione Fontana e il Museo, o quest’opera è esposta dal 17 febbraio 2021 nel salone centrale del Museo Guggenheim di Bilbao per un triennio, fino al 2024.

Il Museo di Bilbao rende omaggio al lavoro di Lucio Fontana accogliendo questo imponente segno espressivo congelato nell’aria, a metà tra design e scultura, con i suoi eleganti e caotici tubi luminosi che nella leggerezza dialogano con l’architettura dalle speciali forme ondeggianti progettata da Frank Gerhy.

Considerato il padre indiscusso dello Spazialismo, Lucio Fontana (Rosario, Argentina 1899 – Varese, 1968), dopo una formazione tradizionale nella scultura, nel 1946 insieme ai suoi allievi redige il Manifesto Bianco, oggi considerato il testo teorico e il punto di inizio dello Spazialismo.

Con la sua ricerca, l’artista ha oltrepassato i limiti tradizionali dell’idea di spazio pittorico, inteso in termini fisici e concettuali, anticipando le tendenze tipiche degli anni Sessanta e Settanta dell’Arte Povera, dell’Arte Concettuale e della Land Art.

Non è ancora indicata la data precisa della sua rimozione ma certamente in tre anni molti avranno la possibilità di ammirarla ed essere rapiti da questa luce che avvolge lo spazio.

 

LUOGO: BILBAO – Museo Guggenheim

INDIRIZZO: Avenida Abandoibarra, 2 - 48009 Bilbao

TEL: +34 944 35 90 00 / +34 944 35 90 80

ORARI DI APERTURA

  • Orari propri del Museo:
  • Tutti i giorni ore 11.00 – 19.00
  • Normalmente al lunedì il museo è chiuso, salvo il periodo estivo e alcuni lunedì speciali indicati nel sito.
  • T. +34 944 35 90 00 / +34 944 35 90 80
  • informacion@guggenheim-bilbao.eus
  • Sito Web

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.