LUCAS ARRUDA: Assum Preto

controllare preventivamente nel sito esattezza dei dati relativi a mostra, orari e condizioni di accesso con attenzione alle disposizioni locali a prevenzione della pandemia da Covid 19

Lucas Arruda realizza paesaggi in cui il collegamento intangibile tra elementi celebra diverse qualità della luce.

LUCAS ARRUDA: Assum Preto

 

 

David Zwirner presenta nella sua sede di Parigi Assum Preto, una mostra di dipinti nuovi e recenti dell’artista brasiliano Lucas Arruda, terza presentazione personale dell’artista con la galleria.

Nato a San Paolo del Brasile nel 1983, Lucas Arruda ha rivolto la sua ricerca sul tema dei paesaggi che realizza a memoria privilegiando il collegamento intangibile tra elementi come la terra e il cielo o il cielo e il mare, in una celebrazione delle diverse qualità della luce.

Lucas Arruda dipinge in piedi e, di fronte alla tela, definisce una linea dell’orizzonte, unico elemento strutturale dei suoi lavori, per poi ampliarla e delineare un paesaggio.

Le opere di Arruda appartengono a un territorio instabile, tra realismo e astrazione, e provocano nello spettatore un distacco dal mondo materiale agendo come un catalizzatore esistenziale ed emozionale.

I dipinti di Arruda sono composizioni intricate e meditative che confondono i confini tra registri mnemonici e fantasiosi, mentre danno forma a una complessa resa dei paesaggi che è più un prodotto di uno stato mentale che altro.

Intitolato a una specie di merlo originaria del Brasile orientale Assum Preto continua le indagini di Arruda sulla luce e l’oscurità e sui loro effetti metafisici.

Secondo la tradizione locale quel merlo brasiliano, infatti, canta in modo stonato e disperso ma, se privato della vista, il suo canto si trasformerebbe in una dolce melodia.

Come osserva l’artista, “Sembra che questi uccelli vengano distratti da tutto ciò che li circonda, quindi, cantano stonati e in modo disperso.

La cecità è ciò che li fa cantare armonicamente.

Penso che la luce sia ciò che lega insieme le mie opere… come se bilanciassi costantemente luce e ombra”.

DATA INIZIO: 09/04/2022

DATA FINE: 22/05/2022

LUOGO: PARIGI – David Zwirner Gallery

INDIRIZZO: 108, rue Vieille du Temple – Paris

ORARI DI APERTURA

  • martedì > sabato 11.00 – 19.00

INFO

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.