L’Ascella del sole – ANDREA MARCO CORVINO

Controllare preventivamente esattezza dei dati su mostra, orari di apertura, di ultimo ingresso e condizioni di accesso in relazione alle vigenti normative ANTICOVID

Andrea Marco Corvino, writer bolognese, si è ispirato al mito dei Boscimani per proporre il suo elogio al sole e alla sua potenza generativa.

L’Ascella del sole – ANDREA MARCO CORVINO

 

 

Galleriapiù di Bologna ha inaugurato il 26 maggio una mostra personale di Andrea Marco Corvino che occupa la stagione estiva della galleria fino a settembre.

Andrea Marco Corvino (LOL 63) è un writer bolognese che ha trascorso parte della sua infanzia in Sud Africa dove è stato fortemente influenzato dalla cultura locale. Figure ricorrenti nelle sue opere sono animali stilizzati, piante e persone appartenenti a vari gruppi etnici.

Il suo alter ego nel mondo dei Writers è LOL63, nome ispirato all’espressione Laughing Out Loud che rappresenta appieno la sua personalità giocosa e colorata.

Per Gallleriapiù l’artista si è ispirato a un mito dei Boscimani che ha dato il nome alla mostra stessa, L’Ascella del Sole.

L’ascella del Sole vuole spiegare come ebbe origine il mondo, quali funzioni siano assegnate agli astri e quale sia il ruolo degli agenti atmosferici.

Il lavoro murale celebra, in un lessico semplice e comprensibile a tratti anche ironico, fatti appartenenti alla storia passata, ma anche alla saga popolare, al racconto orale ed alla memoria collettiva di un popolo che continua a celebrare le proprie tradizioni e la natura.

Pensato per raccontare una favola antica ci fa riflettere su una stringente attualità quale la crisi energetica ma anche lo sfruttamento delle risorse naturali.

Il progetto di Corvino è quindi un elogio al sole e alla sua potenza generativa.

Completano l’esposizione due nuovi lavori su tela, un’opera luminosa e un tappeto.

Alla base del lavoro di Corvino resta sempre la storia e la tradizione orale, capaci di ricostruire gli eventi del passato soprattutto del mondo popolare non egemone ed esplorarne il significato attraverso l’analisi del racconto, l’immaginazione, il desiderio, il sogno e la soggettività, intrecciandosi con la letteratura, la linguistica, l’antropologia, la religione, la musica e la cultura di massa.

Ecco perché i lavori di Andrea Marco Corvino stratificano la narrazione a elaborazioni personali percorrendo un tempo fantastico dove gli elementi assimilati dai racconti diventano visioni pop, accessibili e cariche di vitalità.

DATA INIZIO: 26/05/2022

DATA FINE: 10/09/2022

LUOGO: BOLOGNA - Galleriapiù

INDIRIZZO: Via del Porto, 48/a

TEL: +390513179675

ORARI DI APERTURA

  • Martedì e mercoledì 14.30 – 19.30
  • Giovedì e venerdì 12.00 – 19.30
  • Sabato 11.00 – 19.00

INFO

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.