L’arte ai tempi del Covid-19 – Mostre online n.61

WHITFORD FINE ART Viewing Room (Londra) propone una personale dell’artista belga Joseph Lacasse (1894 -1975)

L’arte ai tempi del Covid-19 – Mostre online n.61

 

 

  1. GRAY Viewing Room online (Chicago)

Mostra: STATSINGER – Forest rhythms

Fino al 6 giugno 2020

Gray presenta Forest Rhythms, una selezione di dipinti astratti ddell’artista americana EvelynStatsinger degli anni ’80 e ’90 in cui sinuose bande di colori e tessiture vibranti traducono i misteriosi ritmi del mondo naturale.

Nel corso della sua vita,  Statsinger  (1927 -2016) ha lavorato su una varietà di media creando complesse composizioni psicologiche e colorate che bilanciano astrazione, rappresentazione e surrealismo.

Dopo aver conseguito la laurea presso la School of the Art Institute nel 1949, Statsinger è stata inclusa nelle discussioni sulla scuola Monster Roster e sull’Imagismo di Chicago. Nel corso della sua vita, tuttavia, il lavoro di Statsinger è emerso come profondamente individuale e fortemente indipendente.

https://www.galleriesnow.net/shows/evelyn-statsinger-forest-rhythms/

Sito galleria : www.richardgraygallery.com

 

  1. WHITFORD FINE ART Viewing Room (Londra)

Mostra: JOSEPH LACASSE (1894 – 1975) – FRAGMENTS OF LIGHT

Fino 29 giugno 2020

WHITFORD FINE ART propone una personale dell’artista belga Joseph Lacasse (1894 -1975)

Lacasse è stato un pioniere in molti modi, lasciandosi alle spalle un corpus complesso e stimolante di lavoro.

Egli era un uomo di idee socialiste e i temi della classe sociale furono sempre presenti nella sua opera.

Da artista è stato un fauve, un cubista, un tachista e un astrattista,

Nella sua ricerca artistica egli era animato dall’idea di come esprimere al meglio la luce.

https://www.galleriesnow.net/shows/joseph-lacasse-1894-1975-fragments-of-light/

sito galleria: http://www.whitfordfineart.com/

 

  1. TORNABUONI ART – ARTISTI e ISOLAMENTO online (Firenze IT)

Mostra: EMILIO ISGRO’

Nessuna  indicazione di limitazione temporale

Il terzo focus sul rapporto tra artisti e isolamento è dedicato all’artista siciliano Emilio Isgrò. ( 1937)

Artista concettuale, ma anche poeta, scrittore, sceneggiatore e regista, Isgrò è uno dei pionieri del linguaggio artistico del dopoguerra, riconosciuto internazionalmente per le sue cancellazioni.

Vengono presentati diversi momenti dell’esperienza artistica di Isgrò

Si parte dalla  ricca personale curata da Germano Celant nel 2019 alla Fondazione Cibi a Venezia , in omaggio anche al critico teorico dell’Arte Povera, recentemente scomparso.

Vengono poi presentate alcune delle opere più famose: Decameron del 1967, I promessi sposi  del 2016 fino alla più recente Coronavirus cancellato del 2020.

Inoltre vengono presentate alcune opere presenti in musei italiani e internazionali quali Museo del Novecento di Milano, Centro Pompidou di Parigi, Centro Pecci di Prato.

Segue una carellata delle mostre principali, una selezione della stampa, cataloghi e pubblicazioni.

 

https://www.emilioisgro.info/en/events-detail/emilio-isgr-tornabuoni-art-londn

info@tornabuoniart.fr

 

  1. ALEXANDRE GALLERY Viewing Room (New York)

Mostra: Artist Estates

Ora aperta (25maggio 2020)

La galleria propone un Viurtuall Viewing Room con artisti rappresentati dalla galleria.

E’ un’offerta al mercato dei collezionisti di opere di autori  americani come :

  • Will Barnet,(1911-2012) noto per i suoi dipinti, acquerelli, disegni e stampe raffiguranti la figura umana e gli animali, sia in scene casuali della vita quotidiana che in mondi onirici trascendenti;
  • Sally Hazelet Drummond,(1924) nota per le sue opere meditative che utilizzavano punti di colore simili a quelli di un puntinista per produrre luce radiante;
  • Loren MacIver,(1909 – 1998) che fu la prima donna rappresentata nella collezione permanente del Museum of Modern Art;
  • Emily Nelligan, (1924 – 2018) che rappresenta nei suoi disegni a carboncino un mondo oscuro ed etereo in connessione  profonda tra artista e paesaggio;
  • Vincent Smith,(1929 – 2003) il cui lavoro si ispira al suo amore per la musica e alla vivace scena di jazz club che ha conosciuto da giovane di New York, nonché all’arte africana che ha scoperto durante i suoi viaggi all’estero;
  • Neil Welliver (1929 – 2005), noto soprattutto per i suoi dipinti di paesaggi su larga scala ispirati ai boschi profondi vicino alla sua casa nel Maine
  • Hyman Bloom ( 1913 -2009), influenzato dalla sua eredità ebraica e dalle religioni orientali

https://www.alexandregallery.com/virtual-viewing-room-artist-estates

 

Leave a Comment

ARTEVERONA 2020

Veronafiere  non rinuncia all’arte : rilancia e riprogramma ArtVerona per dicembre 2020 ARTEVERONA 2020     Veronafiere, annuncia il riposizionamento della 16a edizione di ArtVerona: la fiera d’arte moderna e contemporanea si svolgerà dall’11 al 13 dicembre 2020. La decisione

Leggi Tutto »

Fabula / Viaggio in Oriente

Tre artisti che rappresentano un proprio  mondo filtrato con gli occhi del viaggiatore ispirato dalla narrazione letteraria di Calvino, Byron e Parise Fabula / Viaggio in Oriente   Il museo del paesaggio di Torre di Mosto ospita opere di pittori

Leggi Tutto »

PIRANESI Roma BASILICO

Straordinarie vedute di Roma distanti due secoli : la grafica di Piranesi e gli scatti fotografici di Basilico  si confrontano a Venezia PIRANESI Roma BASILICO     Palazzo Cini fu la residenza veneziana di Vittorio Cini ,. Oggi è possibile

Leggi Tutto »

IGOR MITORAJ tra terra e mare

Nella pineta Alpemare di Forte dei Marmi , le monumentali sculture frammentate di Igor Mitoraj IGOR MITORAJ tra terra e mare     Igor Mitoraj non è nuovo della Versilia. A Pietrasanta, Forte dei marmi, Massa Carrara e Lucca il

Leggi Tutto »