L’arte ai tempi del Covid-19 – Mostre online n.54

RICHARD SALTOURN Viewing Room presenta nella piattaforma online opere di Annegret Soltau, artista tedesca, classe 1946

L’arte ai tempi del Covid-19 – Mostre online n.54

 

 

  1. DAVID KORDANSKY Gallery (Los Angeles -USA)

Mostra: Linda Stark – Frieze Viewing Room

Fino al 3 giugno 2020

La David Kordansky Gallery presenta una mostra personale online di opere su carta di Linda Stark. Lo spettacolo è presentato in tandem con l’inaugurale Frieze Viewing Room, dal 6 al 15 maggio 2020.

Per chi fosse interessato ad acquistare opere, Linda Stark: Frieze Viewing Room sarà visibile qui fino al 3 giugno 2020, alle 8:00 ora del Pacifico.

Linda Stark (1956, San Diego) realizza dipinti in cui esperienze personali, visioni e sensazioni danno origine a immagini iconiche caratterizzate sia da trame scultoree che da concisione grafica.

Prodotti di tecniche altamente virtuosistiche che spesso richiedono lunghi tempi per essere eseguiti, i suoi lavori sono come amuleti carichi di fervore devozionale.

https://www.davidkordanskygallery.com/viewing-room/linda-stark

 

  1. RICHARD SALTOURN Viewing Room (Londra – UK)

Mostra: Annegret Soltau:Spider

Fino al 30 giugno 2020

Fondata a Londra nel 2012, la galleria si è specializzata nell’arte del dopoguerra con attenzione all’arte concettuale.

Spazio particolare ha dedicato al tema femminile e alle manifestazioni performative.

Presenta nella piattaforma online opere di Annegret Soltau, artista tedesca, classe 1946.

Dall’inizio della sua carriera negli anni ’70, Annegret SOLTAU ha sostenuto un approccio sperimentale all’arte, sfidando le nozioni convenzionali di rappresentazione attraverso performance, fotografia e collage.

L’attenzione centrale del lavoro di Soltau non si avventura mai lontano dal corpo femminile e dai suoi processi corporei

Spesso rappresenta immagini di se stessa, nella ricerca inesauribile di identità e significato.

https://www.galleriesnow.net/shows/annegret-soltau-spider/

Sito galleria. http://www.richardsaltoun.com/

 

  1. GOOGLE ARTS & CULTURE – Movimenti artistici

Mostra: ARTE CINETICA dl XX secolo

Senza indicazione di limitazioni temporali

Google Arts & Culture in collaborazione con i principali musei a livello internazionale propone opere degli artisti e dei movimenti che hanno maggiormente segnato la storia dell’arte.

Sono mostre costruite  con grande attenzione scientifica che raccolgono in un percorso virtuale on line opere conservate da Musei e Collezioni distribuite nel mondo offrendo immagini, ad alta definizione, di opere iconiche per il tema proposto,  immagini che possono essere ingrandite in misura notevole.

Tra i movimenti più interessanti del XX secolo si annovera anche l’Arte cinetica che identifica opere che hanno per oggetto il movimento reale e manifesto.

Può comprendere anche macchine, strutture mobili e oggetti leggeri in effettivo movimento.

L’arte cinetica ebbe inizio tra il 1913 e il 1920, quando alcune figure isolate come Marcel Duchamp, Vladimir Tatlin e Naum Gabo con le loro opere e affermazioni ponevano una forte enfasi sul movimento meccanico.

Molti sono stati gli artisti che si sono dedicati, anche per brevi periodi, a questo tipo di ricerche.

Artisti come László Moholy-Nagy e Alexander Calder si dedicarono alla ricerca artistica sul movimento con una certa continuità negli anni ’20 e ’30.

E’ tuttavia dagli anni cinquanta che si formalizza e sviluppa in modo consapevole il movimento.

https://artsandculture.google.com/entity/arte-cinetica/m03g48h?categoryId=art-movement

 

  1. ALEXANDRE Gallery Viewing room (New YorK – USA)

mostra: Pat Adams: Works from the 1970s and 80s.

Viewing Room in funzione fino alla riapertura dello spazio fisico della Galleria al 724 dellla quinta Strada di New York

Pat Adams (americana, 1928) ha sviluppato un complesso vocabolario visivo astratto per esplorare idee metafisiche sia nei suoi dipinti di ampie dimensioni che nelle sue più intime opere su carta.

Dalla metà degli anni Cinquanta, Adams ha esplorato un vocabolario fondamentale di forme geometriche astratte che sono state incorporate in campi indefiniti di colori scintillanti.

Le sue immagini spesso includono cerchi, curve, linee, arabeschi, quadrati e variazioni di forme sferiche.

Spesso arricchisce i materiale dei suoi dipinti mescolando sabbia, mica, gusci d’uovo e altri materiali naturali nei suoi pigmenti, creando spazi di diverse profondità che producono effetti di trasparenza e fisicità misteriose.

https://www.alexandregallery.com/virtual-viewing-room-pat-adams-197080

Leave a Comment