JOHN COPLANS

Controllare preventivamente esattezza dei dati su mostra, orari e condizioni d’ingresso nel sito. NB obbligo Green Pass per accedere agli spazi espositivi chiusi

Il Fotografo britannico John Coplans ha sviluppato una pratica fotografica in cui ha rappresentato il suo corpo nudo, in bianco e nero, spesso frammentato, la testa sempre fuori vista.

JOHN COPLANS

 

 

Creata per volere di Henri Cartier-Bresson, fondatore dell’agenzia MAGNUM, di sua moglie Martine Franck e della loro figlia Mélanie, la Fondazione Henri Cartier-Bresson, nota come Fondation HCB, ha aperto i battenti nel maggio 2003.

Attualmente detiene i fondi di Henri Cartier-Bresson e di Martine Franck. Fondazione privata riconosciuta di pubblica utilità, è oggi uno dei maggiori luoghi parigini della fotografia.

Dal 5 ottobre la Fondation HCB presenta un’eccezionale mostra del lavoro del fotografo britannico John Coplans (1920-2003), in collaborazione con Le Point du Jour, un centro di editoria d’arte a Cherbourg-en-Cotentin.

Emigrato negli Stati Uniti all’inizio degli anni ’60, John Coplans è stato prima pittore, critico d’arte, direttore di musei e curatore, per poi dedicarsi completamente alla fotografia nei primi anni ’80.

Ha sviluppato una pratica fotografica in cui ha rappresentato il suo corpo nudo, in bianco e nero, spesso frammentato, la testa sempre fuori vista.

Intitola tutte queste immagini realizzate tra il 1984 e il 2002 con il nome generico Self Portrait con sottotitoli descrittivi che specificano la parte del corpo raffigurata o la postura.

Ridotto spesso alla rappresentazione del corpo invecchiato, il lavoro di Coplans risponde a un obiettivo più ludico e universale.

Inscritto in una lunga storia delle forme artistiche attraverso il gioco di relazioni metaforiche con la natura o la scultura, Coplans ridefinisce il significato stesso dell’età – non come una progressione verso la fine della vita, ma piuttosto come un’opportunità per un’iscrizione duratura della specie umana e un’impresa che rimanda a  forme primitive.

L’assenza del volto e la scelta del frammento come elemento plastico hanno scatenato un flusso di invenzioni e analogie formali che sembrava inesauribile

DATA INIZIO: 05/10/2021

DATA FINE: 16/01/2022

LUOGO: PARIGI – Fondation Henri Cartier-Bresson/HCB

INDIRIZZO: 79, Rue Des Archives

TEL: 01 40 61 50 50

ORARI DI APERTURA

  • martedì > domenica 11.00 – 19.00

INFO

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.