Edvard Munch. A Poem of Life, Love and Death

Controllare preventivamente esattezza dei dati su mostra, orari di apertura, di ultimo ingresso e condizioni di accesso in relazione alle vigenti normative ANTICOVID

Edvard Munch è stato il più importante pittore della Norvegia, l’artista che ha trasferito nella pittura, con grande potenza espressiva, i tormenti e i dolori della sua vita privata.

Edvard Munch. A Poem of Life, Love and Death

 

 

Il Musée d’Orsay ha annunciato la grande mostra dedicata ad uno dei massimi pittori norvegesi Edvard Munch dal titolo A Poem of Life, Love and Death programmata a cavallo tra 2020 e 2023.

La mostra, curata da Claire Bernardi, Curatrice Capo del Museo d’Orsay sarà organizzata dal Museo d’Orsay di Parigi in collaborazione con il Museo Munch di Oslo.

Edvard Munch (Løten, 1863 – Oslo, 1944) è stato uno dei più importanti artisti attivi tra Otto e Novecento perché assieme ad altri pittori suoi coetanei ha segnato un punto di svolta nella storia dell’arte.

Il suo nome è spesso affiancato, per vicende umane e forza espressiva, ad artisti come Paul Gauguin (Parigi, 1848 – Hiva Oa, 1903) e Vincent van Gogh (Zundert, 1853 – Auvers-sur-Oise, 1890).

Ciò che accomuna i tre artisti è la carica soggettiva che caratterizza le loro opere, capace di andare oltre quello studio scientifico e oggettivo della realtà, portato avanti dalle correnti artistiche a loro contemporanee come l’Impressionismo e il Puntinismo.

Munch ebbe una vita tormentata e dolorosa, segnata da perdite familiari, insuccessi, alcolismo, nevrosi e solitudine che, per certi aspetti, lo accomunano agli altri due artisti.

La mostra presenterà un centinaio di opere, dipinti, ma anche disegni, stampe o addirittura blocchi incisi, a testimonianza della diversità della sua pratica.

Questa presentazione su larga scala, con una dimensione retrospettiva, riguarderà l’intera carriera dell’artista.

Inviterà i visitatori a rivisitare l’opera del pittore norvegese nella sua interezza seguendo il filo di un pensiero pittorico sempre fantasioso: un’opera che è allo stesso tempo fondamentalmente coerente, persino ossessiva, e allo stesso tempo costantemente rinnovata.

I visitatori potranno quindi confrontarsi con la singolare figura dell’artista e il suo particolare processo creativo che ha portato l’artista a produrre molte variazioni dello stesso motivo, ma anche diverse versioni dello stesso soggetto.

Eminentemente simbolista, la nozione di cicli ha quindi svolto un ruolo chiave nel pensiero e nell’arte di Munch.

Questo concetto entra nel suo lavoro a più livelli, fino a entrare in gioco nella costruzione stessa dei suoi dipinti, dove alcuni motivi ricorrono regolarmente.

DATA INIZIO: 20/09/2022

DATA FINE: 22/01/2023

LUOGO: PARIGI – Museo d’Orsay

INDIRIZZO: Esplanade Valéry Giscard d'Estaing 75007 Paris

ORARI DI APERTURA

  • Martedì > domenica 9.30 -18.00 (giovedì chiude ore 21.45)

INFO

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.