DI CARTA – PAPERMADE 5^ edizione “FRAGILE come carta”

Controllare preventivamente esattezza dei dati su evento, orari e condizioni d’ingresso nel sito

Il centro del progetto, a cadenza biennale, è la carta, materia e mezzo privilegiato per la realizzazione di opere d’arte.

DI CARTA – PAPERMADE 5^ edizione “FRAGILE come carta”

 

 

DI CARTA / PAPERMADE è un’ampia esposizione collettiva di opere di carta in cui si possono individuare tre settori: la stampa d’arte, i libri d’artista e le istallazioni.

Il progetto prevede la partecipazione di circa 80 artisti, italiani e stranieri, con altrettante opere.

Il centro del progetto, a cadenza biennale, è la carta, materia e mezzo privilegiato per la realizzazione di opere d’arte.

Quindi carta intesa sia come supporto sia come materia da trattare, manipolare, trasformare in opera d’arte, ispirazione o veicolo di emozioni e comunicazioni.

La sede della mostra è Palazzo Fogazzaro a Schio, anticamente opificio laniero, collocato in una zona che vanta la stampa di alcuni dei primi incunaboli.

Gli artisti invitati hanno differenze di età, di provenienza geografica e formativa, percorso di ricerca, di linguaggio e di stile.

Il risultato è un mix di grandi diversità a confronto: aspetti iconografici, cromatici e plastici tra i più svariati, soggetti liberamente scelti, universi narrati o luoghi e sentimenti evocati, emotività delicatamente o fortemente espresse.

Dal figurativo all’astratto, alla ricerca di particolarità di segni, forme o ricerche plastiche e cromatiche.

Le possibilità tecniche sono sia tradizionali che sperimentali e in tecnica mista, utilizzando le metodologie antiche oppure nuove tecniche.

FRAGILE come carta è il tema della quinta edizione della biennale, un titolo dagli estesi confini, modellabili a piacimento dalla creatività e dal pensiero degli artisti.

Rilevando il secondo termine della similitudine (Carta) gli artisti si sono concentrati sulle qualità materiche della carta, materiale che supporta o costituisce le opere di questa biennale – fragile e deperibile per antonomasia – ma anche ecologico, plasmabile, proteiforme e illusionistico, caricabile di implicazioni etico-sociali-ambientali.

L’accento sull’aggettivo (Fragile) stimola invece percorsi di pensiero su un tema topico dell’arte e della letteratura, la fragilità della vita umana.

Il tema della biennale 2021 ci riporta alla condizione del presente e ad un’epidemia che di colpo ha annullato le distanze tra l’oggi e il Medioevo delle danze macabre e scalfito il senso di impunita onnipotenza di un uomo e di un modello di civiltà.

E’ un invito a riflettere sulle logiche miopi dell’utilitarismo individualista e dello sfruttamento indiscriminato, e in ultima analisi autolesionista, delle risorse del pianeta.

Degli 80 artisti invitati, una quindicina sono rumeni, e gli altri rappresentano tutte le terre del mondo.

DATA INIZIO: 23/10/2021

DATA FINE: 27/02/2022

LUOGO: SCHIO (VICENZA) – Museo Civico Palazzo Fogazzaro

INDIRIZZO: Via Pasini, 44

TEL: +39 0445691343

ORARI

  • sabato e domenica 10.00-12.30 / 15.30 – 19.00
  • NB per le scuole e gruppi anche da lunedì a venerdì mattina in orario da concordare

INFO

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.