Christian Niccoli. ZWEI (due)

Controllare preventivamente esattezza dei dati su mostra, orari di apertura, di ultimo ingresso e condizioni di accesso in relazione alle vigenti normative ANTICOVID

Un progetto di videoinstallazione + libro dell’artista Christian Niccoli realizzato nell’ambito del progetto Italian council.

Christian Niccoli. ZWEI (due)

 

 

Il Centro per l’arte contemporanea Luigi Pecci di Prato è la prima istituzione italiana progettata da zero con l’obiettivo di presentare, collezionare, documentare e supportare le ricerche artistiche di arti visive e performative, cinema, musica, architettura, design, moda e letteratura.

Tutte espressioni del contemporaneo che avvicinano le persone ai grandi temi della vita e della società̀ dal 1988 hanno trovato ospitalità al Centro.

Dal 10 giugno il Centro presenta ZWEI (due), dell’artista nato a Bolzano nel 1976, ma oggi attivo a Berlino Christian Niccoli.

Si tratta di una videoinstallazione monocanale prodotta nell’ambito della nona edizione di Italian Council e parla di interdipendenza e dell’impatto che le nostre scelte possono avere sugli altri, sia a livello personale che in una dimensione più estesa.

La video installazione è composta da un monitor montato verticalmente a parete e racconta una metafora sociale.

Due uomini sono legati da una dipendenza reciproca, cioè sono appesi alle due estremità di una corda che giace su un muro molto alto. Sono quindi in un limbo apparentemente eterno, senza davvero trovare una via d’uscita comune.

L’installazione video è affiancata da un libro pop-up edito da Silvana Editoriale, in cui la storia raccontata nel video è trasposta su un formato cartaceo.

Trattandosi di un’opera che rientra nel progetto Italian Council promosso dalla Direzione Generale Creatività Contemporanea del Ministero della Cultura con il preciso compito di promuovere la produzione, la conoscenza e la diffusione della creazione contemporanea italiana nel campo delle arti visive, ZWEI (due) viene presentata anche al Belvedere21 a Vienna, al Museum of Contemporary Art di Stettino in Polonia, al MAMbo di Bologna, al MAN – Museo d’Arte Provincia di Nuoro, al Kunst Merano Arte a Merano e presso la Kunststiftung Baden-Württemberg di Stoccarda.

Alla fine del percorso espositivo l’opera entrerà a far parte della collezione permanente del MAN – Museo d’Arte Provincia di Nuoro.

DATA INIZIO: 10/06/2022

DATA FINE: 28/08/2022

LUOGO: PRATO – Centro per l’arte Contemporanea “Luigi Pecci”

INDIRIZZO: viale della Repubblica 277

TEL: +39 0574 5317

ORARI DI APERTURA

  • Mercoledì > venerdì: 12.00-20.00
  • Sabato e domenica: 11.00-20.00

INFO

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.