Il restauro del teatro “La Fenice”

Proseguiamo il nostro viaggio attraverso i grandi restauri delle opere d’arte in italia.Questa volta parliamo di un maestoso lavoro di restauro eseguito alcuni anni fa per il recupero di una delle strutture storiche di Venezia: il Teatro “La Fenice”.  “La Fenice”, come l’uccello mitologico,muore e risorge dalle proprie ceneri:dopo sette anni da quel rogo che l’ha incenerita, è stata  restituita a Venezia nonchè agli occhi del mondo. Prima del rogo di quel 29 gennaio del 1996 (appiccato da due elettricisti che non volevano pagare la penale per il ritardo sui lavori d’illuminazione eseguiti), il teatro subì un primo incendio nel 1836, per essere ricostruito dodici mesi dopo dall’architetto Giambattista Meduna che ricopiò fedelmente l’antica struttura di Gianantonio Selva datata 1792. La Saicam, l’impresa che si è aggiudicata l’appalto, ha impiegato 630 giorni lavorativi, nonchè 600 artigiani, 200 metri quadrati di disegni, 200 lampadari e 162 mila euro d’oro zecchino per le dorature realizzate da Bertolini Arte.Intagli,cartapeste, tappezzerie, tutto è stato affidato nelle mani di abili artigiani per ripristinare l’anima del teatro: pare che lo scenografo Mauro Carosi, incaricato per la ricostruzione della Sala Teatrale, si sia commosso davanti alla maestria con cui era stato cesellato il grande lampadario centrale.

LEGGI TUTTOIl restauro del teatro “La Fenice”

Il restauro del teatro “La Fenice”

Proseguiamo il nostro viaggio attraverso i grandi restauri delle opere d’arte in italia.Questa volta parliamo di un maestoso lavoro di restauro eseguito alcuni anni fa per il recupero di una delle strutture storiche di Venezia: il Teatro “La Fenice”.  “La Fenice”, come l’uccello mitologico,muore e risorge dalle proprie ceneri:dopo sette anni da quel rogo che l’ha incenerita, è stata  restituita a Venezia nonchè agli occhi del mondo. Prima del rogo di quel 29 gennaio del 1996 (appiccato da due elettricisti che non volevano pagare la penale per il ritardo sui lavori d’illuminazione eseguiti), il teatro subì un primo incendio nel 1836, per essere ricostruito dodici mesi dopo dall’architetto Giambattista Meduna che ricopiò fedelmente l’antica struttura di Gianantonio Selva datata 1792. La Saicam, l’impresa che si è aggiudicata l’appalto, ha impiegato 630 giorni lavorativi, nonchè 600 artigiani, 200 metri quadrati di disegni, 200 lampadari e 162 mila euro d’oro zecchino per le dorature realizzate da Bertolini Arte.Intagli,cartapeste, tappezzerie, tutto è stato affidato nelle mani di abili artigiani per ripristinare l’anima del teatro: pare che lo scenografo Mauro Carosi, incaricato per la ricostruzione della Sala Teatrale, si sia commosso davanti alla maestria con cui era stato cesellato il grande lampadario centrale.

LEGGI TUTTOIl restauro del teatro “La Fenice”

Come riparare uno strappo in una tela dipinta ad olio

Come,detto precedentemente, per un principiante,l’intervento di restauro su di un qualsiasi vecchio oggetto,deve essere improntato con estrema cautela,soprattutto se l’oggetto da riparare riguarda un vecchio dipinto ad olio.Detto questo,immaginiamo di dover riparare una tela dipinta,la cui superficie è vistosamente deturpata da un taglio.In un restauro di tipo professionale,si procederebbe applicando una tela di supporto:la tela verrebbe sfilata dal suo telaio d’origine,e incollata su  una seconda tela mediante l’uso di una colla detta “colla di pasta”,la cui preparazione è molto elaborata e richiede l’uso di componenti di tipo naturale:farina di grano,acqua,colletta(miscela di colla cervione,melassa,fiele di bue,aceto bianco,fingicida),trementina veneta.Data la complessità dell’operazione,nel nostro caso,la realizzazione di una semplice toppa,può riparare il danno e ridare bellezza e unità all’immagine dipinta.Per questo tipo d’intervento dovete procurarvi:una tela da fodero chiamata Pattina(si acquista nei negozi specializzati),un foglio di carta plastificata o siliconata,una colla  reversibile di tipo vinilico o epossidico,un barattolo di stucco bianco francese,colori ad acquerello,pennelli a punta n.2e3,colori ad olio,una spatolina per stuccare,vernice finale spray,carta abrasiva n.1000,un bisturi per raschiare lo stucco in eccesso,una spugnetta.

LEGGI TUTTOCome riparare uno strappo in una tela dipinta ad olio

Come riparare uno strappo in una tela dipinta ad olio

Come,detto precedentemente, per un principiante,l’intervento di restauro su di un qualsiasi vecchio oggetto,deve essere improntato con estrema cautela,soprattutto se l’oggetto da riparare riguarda un vecchio dipinto ad olio.Detto questo,immaginiamo di dover riparare una tela dipinta,la cui superficie è vistosamente deturpata da un taglio.In un restauro di tipo professionale,si procederebbe applicando una tela di supporto:la tela verrebbe sfilata dal suo telaio d’origine,e incollata su una seconda tela mediante l’uso di una colla detta “colla di pasta”,la cui preparazione è molto elaborata e richiede l’uso di componenti di tipo naturale:farina di grano,acqua,colletta(miscela di colla cervione,melassa,fiele di bue,aceto bianco,fingicida),trementina veneta.

LEGGI TUTTOCome riparare uno strappo in una tela dipinta ad olio

Come restaurare un oggetto in vetro trasparente

Il vetro è uno dei materiali più difficili da restaurare, in quanto a causa della trasparenza, qualsiasi intervento risulta visibile. Immaginiamo di dover incollare il manico di un vaso in vetro che si è spezzato. Per eseguire il nostro restauro, occorrerà munirsi di alcuni materiali:

-alcool
-colla cianacrilica per vetro
-pinzette per mosaico
-spatola
-colla epossidica o pasta vitrea modellabile
-carta vetro n. 280
-colori  per vetro

LEGGI TUTTOCome restaurare un oggetto in vetro trasparente

Come restaurare un oggetto in vetro trasparente

Il vetro è uno dei materiali più difficili da restaurare, in quanto a causa della trasparenza, qualsiasi intervento risulta visibile. Immaginiamo di dover incollare il manico di un vaso in vetro che si è spezzato. Per eseguire il nostro restauro, occorrerà munirsi di alcuni materiali:

-alcool
-colla cianacrilica per vetro
-pinzette per mosaico
-spatola
-colla epossidica o pasta vitrea modellabile
-carta vetro n. 280
-colori  per vetro

LEGGI TUTTOCome restaurare un oggetto in vetro trasparente

Il restauro degli affreschi di Palazzo Altoviti a Roma

Nel  1890 presso i locali della Scuola di Arti Ornamentali S. Giacomo di Roma, fu sistemata una serie di sei nicchie a volta affrescata a “grottesche” provenienti dalla demolizione del quattrocentesco Palazzo Altoviti, avvenuta nel 1888 durante i lavori per la costruzione degli argini del Tevere. Palazzo Altoviti fu fatto edificare a Roma nel sec. XV dal banchiere fiorentino Antonio Altoviti e restaurato nel 1514 da Bindo Altoviti   amico e mecenate di Michelangelo, Raffaello, Cellini e Giorgio Vasari che  gli decorò ed affrescò sia lo studio sul Tevere che si trovava al pianterreno del palazzo sia la volta cinquecentesca che si affacciava sul fiume medesimo di fronte a Castel Sant’Angelo

LEGGI TUTTOIl restauro degli affreschi di Palazzo Altoviti a Roma

Il restauro degli affreschi di Palazzo Altoviti a Roma

Nel  1890 presso i locali della Scuola di Arti Ornamentali S. Giacomo di Roma, fu sistemata una serie di sei nicchie a volta affrescata a “grottesche” provenienti dalla demolizione del quattrocentesco Palazzo Altoviti, avvenuta nel 1888 durante i lavori per la costruzione degli argini del Tevere. Palazzo Altoviti fu fatto edificare a Roma nel sec. XV dal banchiere fiorentino Antonio Altoviti e restaurato nel 1514 da Bindo Altoviti   amico e mecenate di Michelangelo, Raffaello, Cellini e Giorgio Vasari che  gli decorò ed affrescò sia lo studio sul Tevere che si trovava al pianterreno del palazzo sia la volta cinquecentesca che si affacciava sul fiume medesimo di fronte a Castel Sant’Angelo

LEGGI TUTTOIl restauro degli affreschi di Palazzo Altoviti a Roma

Terranova Sappo Minulio

I capolavori nascosti di Terranova Sappo Minulio:i coperchi sepolcrali della Chiesa di Santa Maria Santissima Assunta

TERRANOVA SAPPO MINULIO – E’ un piccolo comune di 535 abitanti della provincia di Reggio Calabria.Situata alla sinistra del torrente Marro,si trova tra Taurianova e Varapodio. Fondata durante il periodo Svevo,più precisamente durante il regno di Manfredi l’ultimo esponente d’una prestigiosa dinastia imperiale,vanta un’antica storia che rivive attraverso le testimonianze culturali e monumentali. Passeggiando per le vie del paese,ci appare la maestosa facciata della Chiesa di Santa Maria Santissima Assunta costruita a cavallo degli anni novanta del XVIII sec. dopo la distruzione della cittadina in seguita al terremoto del 1783.

LEGGI TUTTOTerranova Sappo Minulio

Terranova Sappo Minulio

I capolavori nascosti di Terranova Sappo Minulio:i coperchi sepolcrali della Chiesa di Santa Maria Santissima Assunta

TERRANOVA SAPPO MINULIO – E’ un piccolo comune di 535 abitanti della provincia di Reggio Calabria.Situata alla sinistra del torrente Marro,si trova tra Taurianova e Varapodio. Fondata durante il periodo Svevo,più precisamente durante il regno di Manfredi l’ultimo esponente d’una prestigiosa dinastia imperiale,vanta un’antica storia che rivive attraverso le testimonianze culturali e monumentali. Passeggiando per le vie del paese,ci appare la maestosa facciata della Chiesa di Santa Maria Santissima Assunta costruita a cavallo degli anni novanta del XVIII sec. dopo la distruzione della cittadina in seguita al terremoto del 1783.

LEGGI TUTTOTerranova Sappo Minulio