BRUCE NAUMAN Neons Corridors Rooms

Bruce Nauman è l’artista americano che per due volte ha ottenuto il Leone d’oro alla Biennale Arte di Venezia.

BRUCE NAUMAN Neons Corridors Rooms

 

 

Pirelli HangarBicocca è una fondazione no profit nata a Milano nel 2004 dalla riconversione di uno stabilimento industriale in un’istituzione dedicata alla produzione e promozione di arte contemporanea.

Luogo dinamico di sperimentazione e ricerca, con i suoi 15.000 metri quadrati è tra gli spazi espositivi a sviluppo orizzontale più grandi d’Europa e ogni anno presenta importanti mostre personali di artisti italiani e internazionali.

Dal 15 settembre 2022 Pirelli HangarBicocca ospita la mostra BRUCE NAUMAN Neons Corridors Rooms, a cura di Roberta Tenconi e Vicente Todolí con Andrea Lissoni, Nicholas Serota, Leontine Coelewij, Martijn van Nieuwenhuyzen e Katy Wan.

Una mostra impegnativa che nasce dalla collaborazione di Pirelli HangarBicocca, con Tate Modern di Londra e Stedelijk Museum di Amsterdam.

Nato nel 1941 nello stato americano dell’Indiana Bruce Nauman, che oggi vive e lavora in New Mexico, ha segnato la storia dell’arte contemporanea dalla metà degli anni Sessanta ad oggi e ragguardevole è il numero delle principali Istituzioni internazionali che hanno ospitato negli anni sue esposizioni e progetti personali.

Bruce Nauman può vantare ben due Leoni d’oro alla Biennale di Venezia, nel 1999 alla carriera e nel 2009 per la miglior partecipazione nazionale con la sua mostra al Padiglione degli Stati Uniti.

È stato un artista d’avanguardia con una ricerca pionieristica che abbraccia diversi media: installazione, video, scultura, performance, fotografia, disegno e suono.

La sua produzione artistica denota un singolare interesse per la comprensione dell’esperienza umana, delle sue convenzioni e degli aspetti più profondi della psiche, indagati attraverso la percezione del corpo, la relazione con lo spazio, il tempo e il linguaggio.

Nella sua pratica emerge anche un frequente uso di giochi di parole che esplorano metodi di comunicazione alternativi.

La mostra di Milano segue quelle analoghe dei Londra e Amsterdam ma, pur avendo il medesimo focus specifico sulla ricerca spaziale e architettonica di Nauman, propone anche opere non presenti in quelle esposizioni.

La mostra infatti presenta una considerevole selezione di suoi celebri corridoi e stanze.

Mettendo in luce le relazioni, gli sviluppi e le variazioni formali, la mostra esplorerà per la prima volta nella loro interezza le sperimentazioni compiute da Nauman in termini di esperienza spaziale, approccio architettonico, uso della luce, suono, linguaggio e video.

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.