BRONZI di RIACE Fotografie di LUIGI SPINA

Una raffinata mostra fotografica nel 50° anniversario del ritrovamento dei famosissimi Bronzi di Riace.

BRONZI di RIACE Fotografie di LUIGI SPINA

 

 

Il 16 agosto ricorre il cinquantenario del ritrovamento dei Bronzi di Riace da parte del giovane sub romano Stefano Mariottini, tra le pochissime statue originali in bronzo sopravvissute dall’antichità ad oggi e divenute nel tempo un simbolo della nostra eredità culturale.

Per l’occasione è stata avviata una stagione intensa di avvenimenti e proposte culturali per festeggiare uno dei più straordinari rinvenimenti archeologici, certamente il più famoso nell’ambito dell’Archeologia subacquea.

Tra questi nella sede del Museo archeologico nazionale di Reggio Calabria, che ospita i famosi Bronzi, va ricordata la mostra fotografica BRONZI di RIACE, curata dal direttore del Museo con gli scatti di LUIGI SPINA, considerato uno dei migliori fotografi italiani.

Sedici fotografie di grande formato (90 x 134 cm) verranno esposte nello spazio della suggestiva scalinata piacentiniana del MArRC, proponendo un dialogo visivo fra le due sculture.

La sequenza di otto più otto fotografie, dedicate rispettivamente alla statua A e alla statua B, metterà in evidenza un lento movimento che, seppur incessante, crea pause e ritmo.

Noto per le sue ricerche fotografiche sull’antichità, attento conoscitore della statuaria classica e dei reperti archeologici, Luigi Spina propone una narrazione inedita dei Bronzi di Riace.

Attraverso la comparazione diretta delle due statue, denominate Bronzo A e Bronzo B, Luigi Spina riesce a superare la bidimensionalità delle immagini fotografiche per mettere in luce l’eccezionale finitura dei corpi bronzei esaltandone le forme statuarie, la gestualità e la ricchezza di dettagli.

La mostra e il libro fotografico “Bronzi di Riace” sono parte di Bronzi50 1972-2022, l’evento celebrativo promosso dalla Regione Calabria in collaborazione con il Segretariato Regionale per la Calabria del Ministero della Cultura e tutti i soggetti interessati alla cultura del territorio.

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.