VENEZIA
BIENNALE ARCHITETTURA 2021

PADIGLIONI NAZIONALI

1-3

PADIGLIONE GERMANIA “2038 – The New Serenity” – Biennale Architettura 2021

PADIGLIONE GERMANIA 2038 The New Serenity
  • Sede: Giardini
  • Commissario: Federal Ministry of the Interior, Building and Community
  • curatori: 2038 collettivo
  • Espositori: Blaise Agüera y Arcas, Diana Alvarez-Marin, Andrés Arauz, Arts of the Working Class, Mara Balestrini, Sandra Bartoli, Diann Bauer, Jan Bauer, Carl Berthold, Tatiana Bilbao, Lara Verena Bellenghi, Oana Bogdan, Erik Bordeleau, Mohamed Bourouissa, Jakob Brandtberg Knudsen & Lorenz von Seidlein, Francesca Bria, Loren Britton, Agnieszka Brzezanska, Vera Bühlmann, Bureau N, Benjamin Burq, Marina Castillo Deball, Vint Cerf, cfk architetti, Kristof Croes, Elke Doppelbauer, Keller Easterling, Tobia de Eccher, Ludwig Engel, Joao Enxuto & Erica Love, ExRotaprint, Manuel Falkenhahn, Jan Fermon, Cosimo Flohr, Foreign Legion, Yona Friedman, Renée Gailhoustet, Jan-Peter Gieseking, Goethe-Institut, Dorothee Hahn, Helene Hegemann, Holger Heissmeyer, Angelika Hinterbrandner, Fabrizio Hochschild Drummond, Ludger Hovestadt, Pan Hu, Jennifer Jacquet & Becca Franks, Jonas Janke, Mitchell Joachim, Sonja Junkers, Roberta Jurčić, Claudia Kessler, Goda Klumbyte, Gábor Kocsis, Sénamé Koffi Agbodjinou, Ulrich Kriese, Lukas Kubina, Nikolaus Kuhnert, Phyllis Lambert, Samira Lenzin, Lawrence Lessig, Cédric Libert, Ferdinand Ludwig & Daniel Schoenle, Suhail Malik, Charlotte Malterre-Barthes, Renzo Martens, Hilary Mason, V. Mitch McEwen, James Meadway, MicroEnergy International, Omoju Miller, Evgeny Morozov, Motif, Motor Productions, Caroline Nevejan, Bahar Noorizadeh, Sabine Oberhuber & Thomas Rau, Jorge Orozco, Verena Otto, Shwetal Patel, Wong Ping, Poligonal, Joanna Pope, Christian Posthofen, Leif Randt, Raue, Rebiennale, Kim Stanley Robinson, Denis Jaromil Roio, Raquel Rolnik, Meghan Rolvien, Juliana Rotich, S.a.L.E. Docks, Saygel, Schreiber & Gioberti, Patrik Schumacher, Jack Self, Max Senges, Deane Simpson, Spacetime.tv, Jonas Staal, Bruce Sterling, Michael Stöppler, Lia Strenge, Audrey Tang, Terra0, The Laboratory of Manuel Bürger, Cassie Thornton, Jeanne Tremsal, Galaad Van Daele, Iris van der Tuin, Marcus Vesterager, Julian Wäckerlin, Eyal Weizman, Julia Werlen, E. Glen Weyl, Why Ventures, Mark Wigley, Anna Yeboah, Erez Yoeli, Tirdad Zolghadr

 

Sarà il gruppo interdisciplinare “2038”, formato da Olaf Grawert, Arno Brandlhuber, Nikolaus Hirsch e Christopher Roth, a rappresentare la Germania alla diciassettesima Biennale di Architettura di Venezia.

 

Omoju Miller & Audrey Tang © 2038
Omoju Miller & Audrey Tang © 2038

 

Il team ha convinto la giuria con una “retrospettiva dal futuro”, immaginando di raccontare il presente dall’anno 2038…

 

E. Glen Weyl © 2038
E. Glen Weyl © 2038

 

Si tratta di un progetto che non vuole predire il futuro in termini di date specifiche, ma parlare di una crisi economica e sociale legata a un momento in cui la maggioranza delle persone si sarebbe resa conto che la competizione per l’accumulo delle risorse e del benessere non può più essere sostenibile.

 

Audrey Tang & Lama © 2038
Audrey Tang & Lama © 2038

 

L’idea di fondo alla quale sono stati chiamati i numerosi espositori parte da una riflessione che si immagina sviluppata nel 2038:

“La tecnologia e i big data ci hanno aiutato a trasformare in realtà idee nuove e vecchie. E spesso gli architetti facevano parte della soluzione perché avevano risposte invece di formulare più domande. Il dramma è ormai storia. Viviamo in una democrazia radicale, in una burocrazia radicale. Su un pianeta che non conosce o non ha bisogno di eroi o cattivi.”

 

 

ORARI DI APERTURA

 

22 maggio > 21 novembre

  • Tutti i giorni ore 11.00 – 19.00

INFO

La Biennale

 

Settore arte e architettura

  • 041 5218711
  • aav@labiennale.org

 

Ufficio Stampa

 

Padiglione Germania

La 17. Mostra Internazionale di Architettura si tiene dal 22 maggio al 21 novembre 2021, curata dall’architetto, docente e ricercatore Hashim Sarkis. “In un contesto di divisioni politiche acutizzate e disuguaglianze economiche crescenti, chiediamo agli architetti di immaginare spazi in cui possiamo vivere generosamente insieme”, ha commentato Sarkis.