ARCADIA E APOCALISSE Paesaggi italiani in 150 anni di arte, fotografia, video e installazioni

Fine - 26/04/2020

Luogo - PONTEDERA (Pisa)- Palazzo Pretorio (PALP)

Indirizzo - Piazza Curtatone e Montanara

Paesaggi italiani in 150 anni di arte, fotografia, video e installazioni in una mostra a Pontedera

ARCADIA E APOCALISSE Paesaggi italiani in 150 anni di arte, fotografia, video e installazioni

 

Il PALP Palazzo Pretorio di Pontedera ospita fino al 26 aprile 2020 la mostra Arcadia e Apocalisse.  

L’esposizione ha l’obiettivo di indagare il modo in cui il paesaggio è stato percepito e rappresentato artisticamente dal 1850 fino ai giorni nostri. 

L’esposizione ruota intorno al pensiero creativo sul paesaggio, un genere pittorico ereditato dal Settecento come rispecchiamento della natura nell’arte, in antitesi alla pittura mitologica e di storia 

Una mostra che vuol fare riflettere  e sensibilizzare la coscienza dei visitatori sul tema del degrado ambientale 

Attraverso le immagini del paesaggio è possibile leggere e riflettere sulle radicali trasformazioni della cultura artistica italiana e della società nel suo complesso. 

Molti sono infatti i significati che gli artisti hanno attribuito alle loro rappresentazioni del paesaggio. 

Rifugio esistenziale per Ottone Rosai e Giorgio Morandi, il paesaggio diventa luogo di denuncia di problemi sociali in Viani. 

Per Ardengo Soffici è strumento per promuovere un mondo rurale su cui si riconoscono virtù e sentimenti positivi. 

Ma è anche il paesaggio devastato dalle demolizioni dei grandi piani urbanistici in Mafai o Afro Basaldella. 

Come pure quello dei bombardamenti e delle  distruzioni belliche rese in chiave più metaforica da Levi o Pirandello. 

Più intimistici ed individuali i paesaggi degli anni sessanta che si ritrovano in Tancredi, Turcato e Schifano. 

La riflessione sul paesaggio italiano prosegue quale racconto aperto, affidato spesso a video o a installazioni, come quelle dei progetti di Pistoletto. 

Una mostra varia, vivace sul piano estetico e comunicativo. 

ORARI

Da martedì a venerdì 10-19
Sabato, domenica e festivi 10-20
Lunedì chiuso
12 e 13 aprile apertura straordinaria dalla ore 10.00 alle or 20.00

Telefono: 050512280

Leave a Comment

Nel salotto del collezionista

Un percorso espositivo gratuito reso straordinario da capolavori di Francesco Hayez, Giuseppe Pellizza da Volpedo, Gaetano Previati, Giacomo Balla, Adolfo Wildt provenienti da prestigiose istituzioni museali della Lombardia UNA GRANDE MOSTRA SU ARTE E MECENATISMO LOMBARDO TRA 800 E 900

Leggi Tutto »
Time Machine – Vedere e sperimentare il Tempo

Time Machine – Vedere e sperimentare il Tempo

Cinema, video e videoinstallazioni proposte come vere e proprie “macchine del tempo”, secondo tre diverse accezioni: come media capaci di registrare, archiviare e ripresentare fenomeni visivi e audiovisivi  Time Machine – Vedere e sperimentare il Tempo     Nel 2020

Leggi Tutto »

Della materia spirituale dell’arte

MAXXI Museo nazionale delle arti del XXI secolo riunisce alcuni tra i più importanti protagonisti della scena artistica dei nostri tempi in una grande collettiva sul tema della materia spirituale dell’arte  Della materia spirituale dell’arte     Il MAXXI –

Leggi Tutto »

The Missing Planet

Uno sguardo sullo stato dell’arte e della ricerca artistica nelle ex repubbliche sovietiche a trent’anni dalla caduta del muro di Berlino The Missing Planet   Il Centro per l’arte contemporanea Luigi Pecci di Prato è la prima istituzione italiana progettata

Leggi Tutto »