ANTHROPOCENE – BURTYNSKY, BAICHWAL, DE PENCIER (BOLOGNA – Fondazione MAST)

Le immagini proposte da Edward Burtynsky mostrano con forza le drammatiche collisioni tra uomo e natura. 35 fotografie anche fino a tre metri per sette

ANTHROPOCENE – BURTYNSKY BAICHWAL DE PENCIER

BOLOGNA – Fondazione MAST
Via Speranza 42 – I-40133 Bologna
Fino al 5 gennaio 2020

 

ANTHROPOCENE (BOLOGNA – Fondazione MAST)
ANTHROPOCENE (BOLOGNA – Fondazione MAST)

 

Anthropocene

Anthropocene, nuova era geologica proposta, tra mille polemiche e discussioni, durante il Congresso internazionale di Geologia di Città del Capo.

Indica la contemporaneità in cui l’ambiente terrestre, inteso come l’insieme delle caratteristiche fisiche, chimiche e biologiche in cui si svolge ed evolve la vita.

É fortemente condizionato a scala sia locale sia globale dagli effetti dell’azione umana.

Anthropocene progetto artistico

Anthropocene è anche il titolo assegnato ad un progetto artistico che indaga l’indelebile impronta umana sulla Terra attraverso le straordinarie immagini di Edward Burtynsky, Jennifer Baichwal e Nicholas de Pencier.

Combinando fotografia, cinema, realtà aumentata e ricerca scientifica, i tre artisti danno vita a un’esplorazione multimediale di grande impatto visivo che documenta i cambiamenti determinati dall’attività umana sul pianeta.

Ne testimonia gli effetti sui processi naturali.

 

La mostra alla Fondazione MAST

La mostra è suddivisa in quattro sezioni che occupano gli spazi della Fondazione MAST (Manifattura di Arti, Sperimentazione e Tecnologia) di Bologna.

Fino al 6 ottobre 2019 ed è un invito a riflettere sulla portata e sul significato di queste trasformazioni radicali.

 

Le fotografie

35 fotografie alcune di grande formato, anche fino a tre metri per sette, che sono il risultato di un numero rilevante di fotogrammi scattati e poi cuciti assieme da un software che produce enormi file da stampare.

Le immagini proposte da Edward Burtynsky mostrano con forza le drammatiche collisioni tra uomo e natura.

Ad esempio, la trasformazione del pianeta mediante l’estrazione mineraria, l’urbanizzazione, l’industrializzazione e l’agricoltura.
C’è poi la proliferazione di dighe e la sempre più frequente deviazione dei corsi d’acqua e l’eccesso di CO2 e l’acidificazione degli oceani.
La presenza pervasiva e globale della plastica, del cemento e di altri tecnofossili è, infine, una delle maggiori forme di inquinamento.
Allo stesso modo c’è l’impennata senza precedenti della deforestazione.

 

ORARI
Tutti i giorni dalle ore 10.00 alle ore 19.00
Lunedì chiuso

INFO
https://anthropocene.mast.org/

1 thought on “ANTHROPOCENE – BURTYNSKY, BAICHWAL, DE PENCIER (BOLOGNA – Fondazione MAST)

Leave a Comment

XXXVI ANTIQUARIA PADOVA

Con proposte che vanno dal mini forziere del ‘500 , all’isola di san Giorgio di De Chirico, al bozzetto di Campigli per gli affreschi alla sede universitaria del Liviano di Padova, Antiquaria 2020 ritorna alla grande,  solo ritardata da marzo

Leggi Tutto »

ALPI di Paolo Pellegrin

L’Istituto Italiano di Cultura di Parigi promuove le alpi italiane con una mostra di Paolo Pellegrin ALPI di Paolo Pellegrin Gli 83 Istituti Italiani di Cultura (IIC) nel mondo sono un luogo di incontro e di dialogo per intellettuali e

Leggi Tutto »

Maurizio Gabbana: Dynamiche infinite

Il fotografo delle città e delle architetture che rappresenta le principali città del mondo. Maurizio Gabbana: Dynamiche infinite Dal 1923, Triennale Milano è un’istituzione internazionale che organizza mostre ed eventi su design, architettura, arti visive e teatro. Il Museo del

Leggi Tutto »

BRITISH ART 1930-NOW

Una mostra che aiuta a scoprire i movimenti che hanno definito un secolo di arte britannica BRITISH ART 1930-NOW Il percorso di questa mostra   inizia con opere surrealiste e le risposte alla seconda guerra mondiale, tra cui i tre studi

Leggi Tutto »

HOW ART BECAME ACTIVE

Una mostra che vuol mostrare come dagli anni Sessanta l’arte  ha assunto un ruolo più attivo nella società. HOW ART BECAME ACTIVE La Tate Modern ha dedicato un suo nuovo edificio, la Switch House, a Len Blavatnik, l’oligarca dei due

Leggi Tutto »